sabato 11 luglio 2020

Audi Q4 Sportback e-tron concept: arriva il SUV medio elettrico

Entro il 2025 Audi avrà venti modelli elettrici in vendita, che rappresenteranno il 40% del fatturato. Considerati i tempi dell'industria automobilistica, la data è dietro l'angolo, e dunque bisogna rispettare tempi serrati. La presentazione della Q4 Sportback e-tron concept si inserisce in questo percorso e tecnicamente è gemella della Q4 e-tron concept già vista allo scorso Salone di Ginevra. Il suo arrivo sul mercato è previsto nel corso nel 2021, andando a inserirsi nel segmento delle SUV di medie dimensioni, viste le misure: 4,6 metri di lunghezza, 1,6 di altezza, 1,9 di larghezza e 2,77 di passo. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 10 luglio 2020

La Aston Martin di David Beckham è in vendita

La Aston Martin di David Beckham è in vendita. Si tratta, in particolare, di una rara V8 Vantage Volante, un modello che la casa britannica ha prodotto in varie versioni dal 1973 al 1990 e che è stata anche usata più di una volta da James Bond. Tornando alla Aston Martin di David Beckham, sappiamo bene quanto l'ex capitano del Manchester United sia appassionato di auto e qui vi abbiamo raccontato della sua collezione. Un elenco che nel 2018 ha perso questa Aston cabriolet, che ora è in vendita in Inghilterra sul sito specialista Auto Trader, che è il più grande marketplace digitale del Regno Unito per auto nuove e usate. Il prezzo? 445.000 sterline, che la cambio attuale fanno circa 492.000 euro. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 9 luglio 2020

Promozioni auto luglio 2020, le offerte più interessanti

Le promozioni auto di luglio 2020 sono caratterizzate in modo particolare dai finanziamenti. Vuol dire che il prezzo più basso tra quelli pubblicizzati si può ottenere solo aderendo a un piano rateale. Peraltro, la maggior parte di quelli approntati dopo l'inizio della Fase 3 sono molto più lunghi del normale, oltre a prevedere rate che partono dopo 3 o 6 mesi o addirittura con le prime rate molto basse e poi via via crescenti. Questo dovrebbe aiutare il mercato a ripartire, dopo che negli ultimi tre mesi sono rimaste invendute circa 450.000 auto rispetto al 2019. Le concessionarie, inoltre, sono perfettamente organizzate per rispettare i contenuti del protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le Parti sociali. Sanificazione degli ambienti e dei veicoli in prova, distanziamento tra le scrivanie e divisori di plexiglas fra cliente e venditore. Per le prove su strada, si può scegliere tra due opzioni: una prova non accompagnato per 20-30 minuti oppure un test drive a casa con consegna dell’auto a domicilio. Ecco dunque le promozioni auto di luglio 2020. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 8 luglio 2020

Fiat 500, buon compleanno alla piccola auto icona del "Made in Italy"

Mentre l'Italia usciva faticosamente dal Dopoguerra e iniziava a costruire quel miracolo economico i cui benefici sono evidenti ancora oggi, gli italiani cominciavano anche a comprare le automobili, che prima del conflitto mondiale erano appannaggio di nobili e alto borghesi. La motorizzazione di massa diventava un fenomeno, prima con le due ruote - Lambretta e Vespa - poi con le quattro, e si esprimeva soprattutto con due modelli. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 7 luglio 2020

Formula 1 in Austria, un Gp che ricorderemo a lungo

Della Formula 1 in Austria, primo GP della stagione 2020, ci ricorderemo per un bel pezzo. Tanta, troppa carne al fuoco per lasciarlo nei meandri della memoria. Al di là del risultato sportivo, sia pure abbastanza sorprendente, l'aspetto più toccante è questa modalità di corsa anti Covid-19. Un circus che di solito sposta decine di migliaia di persone a ogni gara, si trova a marciare a ranghi ridotti, con circa 800 individui che operano in una specie di bolla. Il paddock, dove di solito i tecnici si mischiano con meccanici, piloti, dirigenti, pubblico e celeb più o meno famose, è quasi desolato. Non ci sono i motorhome delle hospitality, ci sono pochissimi giornalisti e fotografi (45 in tutto) e ogni squadra può contare su non più di 80 persone che sono obbligate a non avere nessun contatto con l'esterno. Si fa il test, si entra e non si esce per tre settimane, periodo in cui dopo questa gara in Austria ce ne saranno altre due. Infine non ci sono i tifosi, gli spalti sono completamente vuoti. E dire che oggi si sarebbero divertiti, perché la Formula 1 in Austria è iniziata con una alta dose di spettacolo. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 6 luglio 2020

La Jaguar I-Pace è sempre più smart

La Jaguar I-Pace è stato il primo SUV 100% ad alte prestazioni ad arrivare sul mercato europeo nel 2018 e, ora che la concorrenza inizia a farsi sotto, si aggiorna per rimanere al vertice. Il nuovo sistema d’infotainment Pivi Pro è più veloce e semplice da utilizzare, come uno smartphone. Ha un sistema di navigazione con autoapprendimento in grado di mostrare la stazione di ricarica più vicina, i costi da sostenere e il tempo di ricarica necessario. A questo proposito, ora la Jaguar I-Pace ha di serie un caricatore on-board da 11 kW che, in caso di disponibilità di una fornitura trifase, accelera le operazioni. Collegando la vettura ad una wall box da 11 kW si possono ottenere 53 km di autonomia per ogni ora di ricarica (ciclo WLTP), mentre per caricare il veicolo da zero sono necessarie solo 8,6 ore, l’ideale per la ricarica domestica durante la notte. Durante i viaggi, invece, con una colonnina da 50 kW di potenza si potrà disporre di 63 km di autonomia in soli 15 minuti, mentre salendo a 100 kW si aggiungono 127 km nello stesso lasso di tempo. Grazie alla struttura in alluminio, il basso baricentro e ai due motori elettrici su ciascun assale, che erogano una eccezionale potenza di 400 CV e ben 696 Nm di coppia, il SUV britannico accelera da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi e percorre fino a 470 km (omologati WLTP) grazie al pacco batterie da 90 kWh. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 5 luglio 2020

La nuova Opel Mokka è elettrica

La Opel Mokka diventa elettrica. La seconda generazione del SUV compatto tedesco cambia radicalmente rispetto al modello precedente, grazie a due fattori principali. Il primo è la disponibilità della base tecnica comune con tutto il Gruppo PSA, il secondo è il linguaggio stilistico inedito, ispirato a quello della concept GT X Esperimental del 2016. «Con la nuova Opel Mokka stiamo reinventando il brand e presentiamo il nostro design per il prossimo decennio. Riassume tutti i valori del marchio, perché è innovativa, accessibile e divertente», ha detto il boss di Opel Michael Lohscheller. La carrozzeria si è accorciata di 12,5 cm, ma i litri nel bagagliaio sono comunque 350. Così la lunghezza totale di 4,15 metri la rende agile e facile da parcheggiare. Il design è caratterizzato da sbalzi ridotti e da una presenza a terra solida, fin nei minimi dettagli. Poi c'è il frontale, in cui spicca l'inedito «Vizor», un modulo unico che incornicia in orizzontale i fari a lama, lo stemma e tutti quei sensori che di solito sono sparsi qua e là e che caratterizzerà tutti i nuovi modelli di Russelsheim. L'altra grande novità è all'interno e si chiama «Pure Panel». Non ci sono display analogici né inutili indicazioni decorative: lo schermo è chiaro, le informazioni fornite sono focalizzate su ciò che è realmente necessario. Il cruscotto è allungato orizzontalmente e integra due display widescreen; quello davanti al conducente ha una dimensione massima di 12 pollici, quello sulla console centrale arriva a 10. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 4 luglio 2020

Opel Mokka, un video rivela il nuovo frontale con il "Vizor"

Continua il percorso a tappe con cui Opel ha deciso di svelare la prossima generazione della Mokka. Una presentazione diluita nel tempo che trova giustificazione nel fatto che la nuova B-Suv sia uno dei modelli più importanti per la Casa tedesca. Le ultime notizie trapelano da un video, dove per qualche istante l'auto si vede quasi nella sua interezza, confermando sia le proporzioni più raccolte sia l'inedito frontale e anche svelando per la prima volta le luci posteriori che riprendono il motivo a lama di quelle anteriori. Continua su La Stampa


Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 3 luglio 2020

L'Audi A3 Sportback è sempre una certezza

La nuova Audi A3 Sportback è arrivata e, dopo avervela raccontata nei mesi scorsi, oggi l'abbiamo provata. Osservandola dal vero si apprezzano le nuove proporzioni e il design che non è mai stato così sportivo, se non sulle varianti sportive. Ora la compatta di Ingolstadt ha una presenza più aggressiva dal punto di vista del look, replicando su dimensioni maggiori quello che è già stato fatto sulla piccola A1. Ma il salto più grande rispetto alla generazione precedente si nota all'interno, dove la nuova Audi A3 Sportback stacca nettamente la maggior parte delle concorrenti. La scelta dei materiali, piuttosto hi-tech, e il loro accoppiamento, rasentano la perfezione e insieme alla parte centrale della plancia in stile «black panel», contribuiscono a creare un certo effetto wow che è difficile da contenere. E questo avviene anche senza la strumentazione optional, ma basta già il Digital Cockpit di serie. Quando poi si inizia a esplorare il sistema di infotainment si rimane colpiti dalla velocità di esecuzione della piattaforma MIB 3, in cui la potenza di calcolo è stata decuplicata. Per chi ama parlare con la propria auto c'è anche il comando vocale intelligente, che si aggiunge all’app myAudi con cui connettersi all’ecosistema digitale del brand e collegare senza soluzione di continuità lo smartphone. Si possono bloccare o sbloccare da remoto le portiere, individuare il parcheggio dove si trova l'auto e altro ancora. Poi c'è il protocollo Car-to-X, con cui la A3 sfrutta l’intelligenza collettiva della flotta Audi per avere informazioni di utilità e sicurezza. Insomma, un mondo tutto da scoprire. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 2 luglio 2020

Bosch, nonostante il Codiv-19 l’impegno in Italia resta invariato

"Con tutto quello che è successo, prima di parlare di previsioni per il bilancio di fine anno dobbiamo capire come si chiuderà il primo semestre e poi valutare l'andamento dopo il periodo estivo. In ogni caso, a livello di gruppo, auspichiamo di poter chiudere l'anno in pareggio". Così Fabio Giuliani, General Manager del gruppo Bosch in Italia, delinea il 2020 della filiale italiana della multinazionale tedesca, durante la conferenza annuale sui dati di bilancio. L'anno in corso, dunque, nel migliore dei casi sarà stagnante, dopo un 2019 che ha visto il volume di affari italiano contrarsi dell'8,4%, a 2,25 miliardi di euro, rispetto a quello dell'anno precedente. Un risultato determinato dalla forte contrazione dei mercati di riferimento, in particolare per il settore automotive. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 1 luglio 2020

Arrivano scooter e monopattino elettrici Seat

Arrivano scooter e monopattino elettrici Seat, si chiamano Seat Mó eScooter 125 e Seat SEAT Mó eKickScooter 65. Il primo è equiparabile a un classico scooter 125 cc di cilindrata, mentre il secondo è un monopattino elettrico. Entrambi portano a battesimo il nuovo marchio della casa spagnola, cioè un'unità strategica di business dedicata alla mobilità urbana, e sono stati presentati a Casa Seat. «Un edificio iconico, un luogo da cui guardiamo il futuro. È la nostra sede nel cuore di Barcellona, che intendiamo convertire in un hub di mobilità urbana di riferimento», ha spiegato Carsten Isensee, Presidente di Seat, a cui ha fatto eco Wayne Griffiths, responsabile di vendite e marketing. «Con Seat Mó vogliamo rendere la mobilità individuale accessibile per tutti e Casa Seat sarà il suo centro di operazioni. Barcellona sarà il laboratorio di prove per lo sviluppo di soluzioni di mobilità urbana da esportare al resto del mondo». I due veicoli offrono prospettive diverse in risposta alle necessità di mobilità, sottolineando la continua evoluzione degli spostamenti metropolitani, in un contesto in cui le auto non sempre sono la soluzione più adatta. Ecco quindi le caratteristiche di scooter e monopattino elettrici Seat. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 30 giugno 2020

“Le grand Rendez-Vouz”, il nuovo cortometraggio di Lelouch ha per protagonisti Leclerc e la Ferrari SF90 Stradale

Per tutti gli appassionati cinema e motori, “C'était un rendez-vous” di Claude Lelouch girato nel 1976 è un cortometraggio semplicemente mitico. Vale sempre la pena rivederlo: un'auto sfreccia all'alba in una Parigi estiva e quasi deserta. La scusa della folle corsa è quella di raggiungere una misteriosa donna per un appuntamento. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 29 giugno 2020

Ford Kuga Plug-In Hybrid, il futuro è adesso

Guidare la Ford Kuga Plug-In Hybrid è come fare un passo direttamente nel futuro. Il suo sistema ibrido, infatti, ha una serie di caratteristiche che nell'uso quotidiano si rivelano davvero intelligenti. Ma andiamo con ordine. Quella che abbiamo guidato è la terza generazione di uno dei SUV medi più apprezzati in Europa. Rispetto al precedente lo stile è molto più personale e dinamico, condividendo gli stessi canoni della Puma e della nuova Focus. Si tratta, dunque, di un modello completamente inedito, che alza l'asticella in termini di efficienza, tecnologia e sicurezza. Dell'ampia scelta di motori e delle caratteristiche dimensionali vi abbiamo già raccontato qui e oggi ci concentriamo su quello più innovativo, ovvero l'ibrido plug-in, che peraltro Ford porta sul mercato europeo per la prima volta. Il powertrain è composto da un 4 cilindri a benzina aspirato a cilclo Atkinson da 2,5 litri di cilindrata e da un motore elettrico; la potenza complessiva del sistema è di 225 CV, il cambio è automatico a variazione continua e la batteria agli ioni di litio ha 14,4 kW di capacità, di cui 10,6 a disposizione del guidatore. Questa è la teoria, mentre la pratica significa che, oltre a fare il pieno di benzina, potete ricaricare la batteria della Ford Kuga Plug-In Hybrid direttamente in garage, attaccandola alla presa domestica. In 6 ore si fa il "pieno" che è sufficiente per percorrere 56 km senza usare una goccia di carburante, addirittura 68 se si gira solo in città. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 28 giugno 2020

Ibrido e a metano, la formula del super-risparmio

Risparmio ed efficienza al massimo, consumi ed emissioni al minimo. È il sogno di molti automobilisti "macinatori" di chilometri ma anche quello di molti ingegneri e di molti manager. Attualmente il mercato non propone una soluzione che sia migliore di tutte le altre in modo assoluto. Benzina, diesel, elettrico, ibrido e bi-fuel sono tecnologie che danno ognuna il meglio di sé in contesti specifici, a seconda dell'auto dove sono montati, del suo prezzo, del tipo di utilizzo e della presenza di incentivi. Un ulteriore passo in avanti potrebbe arrivare dal mettere insieme in modi inediti le soluzioni che già conosciamo; in questo caso specifico, ibrido e gas naturale, per creare una specie di super-ibrido. Non si tratta di un'auto che si possa già comprare in concessionaria, ma di un modello di serie su cui è stato montato un sistema aftermarket: una Toyota C-HR Hybrid 1.8, su cui è stato installato un sistema a doppia alimentazione che funziona con benzina e metano. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 27 giugno 2020

Johnny Depp e le sue auto più belle

Johnny Depp non è uno di quei divi che cambiano una supercar al mese, ma negli anni ha concentrato le sue attenzioni su alcuni modelli particolari. Del resto sappiamo benissimo che l'attore di Owensboro (Kentucky) non è certo un personaggio banale, anzi. I suoi primi 57 anni di vita (li compie il 9 giugno) sono stati piuttosto tormentati, alternando grandi successi a momenti personali difficilissimi, non ultimo quello successivo al divorzio con la moglie Amber Heard. Anche la sua carriera, dopo la fortunatissima saga dei Pirati dei Caraibi sembra arrivata a un punto di stallo, non tanto per i film usciti ma per la qualità delle sue performance come attore. È da un po' di tempo, in effetti, che non lo vediamo in grande spolvero, con quella unicità che lo contraddistingueva ai tempi di Donnie Brasco, Edward Mani di forbice o Sleepy Hallow. Di recente Depp è tornato all'attenzione dei media per aver aperto il suo account Instagram e in breve tempo ha guadagnato oltre 5 milioni di follower, pur avendo pubblicato solo nove post. In attesa di conoscere le sue prossime mosse, vediamo quali sono le auto di Johnny Depp. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 26 giugno 2020

Vespa T.A.P, nel 1956 nasceva la “Vespa-cannone” per la Legione Straniera

Ogni automobilista stressato dal traffico, almeno una volta nella vita, ha pensato di far esplodere tutti quelli in fila davanti a lui, per poi procedere spedito sulla strada libera. Questa Vespa T.A.P - Truppe Aero Paracadutate - del 1956 potrebbe essere il mezzo perfetto allo scopo e probabilmente basterebbe già la sua presenza (e quella del suo cannone) per liberare il passo. Scherzi a parte, la Vespa T.A.P ha un certo valore storico, visto che è stata prodotta in soli 600 esemplari. Recentemente ne è stata messa una in vendita dallo specialista Ruote da Sogno al prezzo di 40.000 euro. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 25 giugno 2020

Honda Gold Wing, la regina delle moto

La Honda Gold Wing è la regina delle moto e non solo di quelle da viaggio. Dal 1975 a oggi, con le varie generazioni che si sono succedute, ha sempre espresso il massimo della tecnica disponibile in ogni singola epoca, con lo scopo di sintetizzare tutto nella migliore motocicletta per fare turismo, quello con la T maiuscola. A chiunque nella vita è capitato di vederne almeno una e di solito si rimane stupiti per il regale trono che è la sella del passeggero, con tanto di schienale e braccioli. Ma la Honda Gold Wing è molto di più, come abbiamo scoperto durante la nostra prova. La generazione attuale è stata progettata completamente due anni fa - nome completo Honda GL1800 Gold Wing - diventando più compatta e leggera rispetto alla precedente, fino a 48 kg in meno a seconda della versione. Questo anche grazie al Il nuovo telaio a doppio trave in alluminio, a cui sono collegate l'inedita sospensione anteriore a cannotto avanzato con doppio braccio oscillante e il rinnovato monobraccio posteriore Pro-Arm, entrambi a regolazione elettronica nella versione Tour (come quella della nostra prova). Il monumentale motore boxer a 6 cilindri ha le testate a 4 valvole per cilindro, è dotato dell'acceleratore Throttle By Wire, di quattro Riding Mode, del controllo di trazione, dell'assistente per le partenze in salita e, sulla versione con il cambio DCT, dello Start&Stop. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 24 giugno 2020

Comprare l’auto col finanziamento: non basta guardare la rata, attenzione a tassi di interesse e spese

In Italia un'auto nuova su due è comprata attraverso un finanziamento legato a una promozione e oltre l'80% del credito al consumo erogato serve per acquistare un veicolo, con un valore medio finanziato di circa 14.000 euro. Una cifra che pone il baricentro del mercato italiano tra il segmento B e il segmento C.Ovviamente anche lo stile e le altre caratteristiche dell'auto hanno il loro peso, ma soprattutto sui segmenti inferiori, il prezzo è un richiamo molto allettante per considerare di comprare una vettura piuttosto che un'altra. Ma nella quasi totalità delle offerte il prezzo pubblicizzato è solo teorico. Ecco dunque che cosa fare per non avere sorprese. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 23 giugno 2020

Seat Ateca, esame di maturità

La Seat Ateca si aggiorna a quattro anni dal lancio, con un restyling imperniato un look nuovo e più emozionante sia all’interno sia all’esterno, una connettività completa, un livello più alto di sicurezza e comfort e una maggiore efficienza. “Oltre 300.000 esemplari venduti dal 2016 a oggi rendono la Ateca una delle auto più di successo di Seat. Questo restyling è un’evoluzione del modello originale che vuole confermare questi successi" ha dichiarato il boss di Seat, Carsten Isensee. A livello di dimensioni, la Ateca è cresciuta leggermente in lunghezza (+18 mm) arrivando a 4.381 mm, per effetto del nuovo design del frontale e del paraurti posteriore, ma ha mantenuto la stessa larghezza (1.841 mm) e altezza (1.615 mm) del modello precedente. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 22 giugno 2020

Vespa, Sean Wotherspoon firma una serie speciale in stile Anni 80

Nella lunghissima storia della Vespa, le edizioni speciali sono sempre state una costante. Questa coloratissima Vespa Primavera è firmata da Sean Wotherspoon - astro nascente della moda giovane negli Stati Uniti e guru della cultura street - e, a livello di stile, rappresenta un tuffo negli anni Ottanta. Giallo, rosso, verde scuro e verde acqua avvolgono tutto il veicolo, impreziosito da inserti bianchi come la “cravatta” sullo scudo, i profili della scocca e i cerchi, sui cui bordi è impresso il logo Vespa. Completano l’opera le finiture cromate per la cornice del faro, il portapacchi e il maniglione passeggero, a cui si aggiungono i dettagli neri come le manopole e la cover del silenziatore. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 21 giugno 2020

Range Rover Fifty, mezzo secolo da regina

La Range Rover Fifty è una specie di oscar alla carriera, una serie speciale e numerata che verrà realizzata in 1.970 unità, per celebrare i 50 anni dell'auto che ha inventato il concetto di SUV di lusso. Il 17 giugno del 1970, infatti, la prima Range Rover faceva il suo grande debutto e da quel giorno a oggi ha conquistato primati, compiuto impressionanti imprese ed è stata venduta in oltre un milione di esemplari. La prima generazione di Range Rover (1970-1996) fu inizialmente disponibile, nel 1970, con due sole porte. Nei suoi 26 anni di vita la Classic si è evoluta con la versione a 4 porte, nel 1981, e con la trasmissione automatica, nel 1982. Il primo diesel arrivò nel 1986. È stato il primo SUV ad offrire la trazione integrale permanente e, nel 1989, è stata la prima 4x4 al mondo ad offrire un sistema antibloccaggio. Più tardi, nel 1992, è stata la prima 4x4 ad essere equipaggiata con il Controllo Elettronico della Trazione e sospensioni pneumatiche - assicurando così quella raffinatezza di viaggio, su strada e in off-road, che l'ha resa famosa. Nel 2012 la Range Rover di ultima generazione è stato il primo SUV al mondo con struttura leggera in alluminio, con un peso inferiore rispetto al modello precedente di ben 420 kg, che l'ha resa anche più robusta ed efficiente. Ha attraversato il famigerato Darien Gap, è stato il primo veicolo esposto al Louvre, ed ha anche vinto la Parigi-Dakar - due volte. Continua su GQ


Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 20 giugno 2020

Harley-Davidson brevetta un sistema per non fare cadere la moto

Guidare una moto che supera facilmente i 400 kg non è esattamente un'attività semplice, soprattutto nelle manovre da fermo. A parte il peso in sé, che richiede un certo sforzo muscolare per spostare il mezzo avanti e indietro quando si è in sella, c'è la questione dell'inclinazione. Di base, con tutte le moto non è un'idea saggia inclinare il mezzo da fermo, perché il baricentro si sposta velocemente e basta un istante per vederla andare per terra impotenti. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 19 giugno 2020

Il leggendario V8 6¾-litre Rolls-Royce Bentley va in pensione dopo 60 anni di storia

Bentley ha annunciato la fine della produzione del mitico V8 6¾-litre, ovvero 6,75 litri di cilindrata. Un motore che ha vissuto ininterrottamente per più di sessanta anni, visto che la prima versione è arrivata sul mercato nel 1959, con una cilindrata di 6,25 litri. L'ultimo esemplare del V8 è stato assemblato a Crewe lo scorso 1 giugno, nelle canoniche 15 ore, da una squadra composta da sette specialisti ed è stato poi inserito sotto il cofano di uno degli ultimi esemplari della Mulsanne 6.75 Edition by Mulliner. Si tratta della serie finale di sole trenta unità che celebra la fine della produzione della limousine britannica, che verrà sostituita dalla nuova Flying Spur nel 2023. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 18 giugno 2020

Mazda CX-30, la via di mezzo perfetta

La Mazda CX-30 rappresenta il SUV baricentrico nella gamma del brand giapponese. Si posiziona esattamente a metà tra la compatta CX-3 e la più grande CX-5. Attenzione, inoltre, a non confonderla con la MX-30, cioè la prima elettrica di casa Mazda, di cui vi abbiamo già raccontato. Tornando alla Mazda CX-30, è dunque l'anello di congiunzione tra i due SUV presenti attualmente nella line-up, più lunga di 12 cm della prima e più corta di 15 cm della seconda, ma comunque con 431 litri di bagagliaio che non sono pochi. Quattro metri e trentanove centimetri che la pongono esattamente al cuore del segmento C-SUV, quello che attualmente cresce più di tutti gli altri e da cui praticamente nessun marchio automobilistico vuole rimanere fuori. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 17 giugno 2020

Hovding 3, il casco-airbag che viene dalla Svezia e protegge i ciclisti

Un airbag al posto del casco per andare in bicicletta. Si chiama Hovding e arriva dalla Svezia. Probabilmente i ciclisti urbani più assidui lo conoscono già, perché quella in commercio attualmente è la terza generazione del casco-airbag, che è stato lanciato sul mercato nel 2010 e aggiornato nel 2015. Nello stesso anno le due fondatrici Anna Haupt e Terese Alstin hanno lasciato la compagnia, esattamente dopo dieci anni dalla sua costituzione. Tutto era iniziato grazie al master in industrial design che le due svedesi hanno svolto alla facoltà di ingegneria dell'Università di Lund. Il primo prototipo di Hovding era infatti la tesi del loro master. Nel frattempo il casco-airbag è diventato un prodotto maturo e una valida alternativa ai caschi tradizionali per biciclette. Gode dell'omologazione CE e secondo molti test indipendenti è il dispositivo di protezione più sicuro che un ciclista possa indossare. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 16 giugno 2020

Il Museo Alfa Romeo riapre al pubblico per i 110 anni del Marchio

Un giro al Museo Alfa Romeo è quello che ci vuole per riconciliarsi con la bellezza delle automobili dopo questi mesi di lockdown. Si potrà fare dal prossimo 24 giugno, una data speciale, perché coincide con il 110° anniversario dalla fondazione. Da quel giorno e fino a domenica 28 giugno il Museo resterà aperto con il consueto orario 10-18 tutti i giorni. Dalla settimana successiva, invece, il calendario di apertura verrà temporaneamente modificato e le visite saranno possibili nelle giornate di sabato e domenica, sempre dalle 10 alle 18. Un giro al Museo Alfa Romeo è quello che ci vuole, anche perché c'è una bella sorpresa per i visitatori. Oltre a visitare l’esposizione permanente, si potrà accedere per la prima volta ad aree finora chiuse al pubblico e fuori dal percorso museale: i due piani dell’ex Centro Direzionale di Arese dove è conservata la Collezione, ovvero il backstage del Museo, che comprende altre 150 vetture, decine di motori stradali, aeronautici e marini, centinaia di modellini, trofei, oggetti d’arte, accessori e anche un motoscafo da gara e molto altro. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 15 giugno 2020

Fiat Nuova 500, dopo la cabrio, l’elettrica è anche in versione berlina

Dopo la cabriolet arriva anche la versione con il tetto chiuso, ma il nome non cambia. Stiamo parlando della Nuova Fiat 500 nell’edizione a tiratura limitata "La Prima", ovvero la prima citycar 100% elettrica di Fca. Il prezzo scende di 3.000 euro, da 37.900 a 34.900 euro - a cui vanno sottratti gli incentivi, 4.000 euro senza rottamazione e 6.000 euro in caso di rottamazione - ma cambia la formula di prenotazione. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 14 giugno 2020

BMW Serie 4 Coupé, eleganza dinamica

La BMW Serie 4 Coupé è una delle ultime esponenti di un genere di auto in via di estinzione, le coupé sportive per la vita di tutti i giorni (le supercar sono dunque escluse) con quattro posti, anche se quelli posteriori impongono qualche sacrificio. La nuova generazione ribadisce l'impegno della casa bavarese su questo genere di auto e porta al debutto il nuovo design del frontale, che sicuramente farà discutere. Ma del resto la nuova BMW Serie 4 Coupé ha un carattere più definito rispetto alla precedente: il baricentro è 21 millimetri più basso, la carreggiata dell'asse posteriore 23 millimetri più larga rispetto all'ultima Serie 3 e la distribuzione del peso è 50:50. Lo stile dell'abitacolo, invece, è incentrato sull'esperienza di guida sportiva, con il tradizionale orientamento verso il conducente che dispone di una strumentazione completamente digitale da 10,25 pollici e di un alto touchscreen sulla console centrale. Il climatizzatore automatico a tre zone è di serie e in opzione si può avere il tetto scorrevole in vetro con superficie trasparente, insieme al sistema audio surround Harman Kardon. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 13 giugno 2020

Aston Martin DB5, il ritorno di «Goldfinger»

La Aston Martin DB5 è senza dubbio una delle auto più famose del mondo, di quelle che anche chi non sa nulla di automobili è in grado di riconoscere o di associare a qualcosa, in questo caso 007. La coupé inglese, infatti, è l'auto per eccellenza di James Bond, che l'ha guidata per la prima volta nel 1964 nel mitico Goldfinger. La Aston Martin DB5 era appena arrivata sul mercato; un'apparizione piuttosto fugace, visto che è stata prodotta solo dal 1963 al 1965 e in meno di 900 esemplari. Ma l'immortalità non ha nulla a che fare con il tempo di esposizione, quanto piuttosto sulla qualità di quest'ultimo. La DB5 ne è un esempio perfetto e la sua fama cinematografica lo è ancor di più. Fama che a Gaydon hanno deciso di sfruttare, creando una copia perfetta dell'auto che l'agente segreto al servizio di Sua Maestà guida in Goldfinger. Una vera replica, ma aggiornata con una serie di tecnologie moderne che ne aumentino la qualità e la rendano più affidabile. Un'operazione ad alto tasso nostalgia in cui sono sono stati coinvolti anche la EON Production, ovvero la compagnia che produce tutti i film di 007, e il premio Oscar Chris Corbould, cioè il supervisore degli effetti speciali delle pellicole di Bond che è stato responsabile per tutte le modifiche. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 12 giugno 2020

Marcello Mereu, l'haute detailer

Marcello Mereu è un personaggio unico, uno di quelli che portano avanti la storia del genio italiano, commistione unica di creatività, idee innovative e arte di arrangiarsi. Marcello Mereu ha inventato una professione nuova, l'haute detalier, e se non sapete cos'è, vuol dire che non siete appassionati di auto d'epoca. Ma non c'è problema, perché ve lo spiega direttamente lui «L'haute detailing è l'evoluzione del car detailing, che sale a un livello più alto. Si tratta di curare l'auto nel modo migliore possibile, sia all'interno che all'esterno. È una pratica nata nel contesto dei concorsi di bellezza per auto classiche, dove tutto deve essere eccellente. Pulizia, lucidatura della carrozzeria, piccolo restauro degli interni, cura dei materiali e dei vetri. Ogni parte dell'auto ha bisogno di attenzioni diverse». In altre parole, Marcello è una specie di "medico estetico" dell'automobile - come lui stesso ama definirsi - e le sue pazienti appartengono solitamente a collezionisti, visto che negli anni si è specializzato nelle auto d'epoca e nelle cosiddette youngtimer, cioè le auto con circa 15-25 anni sulle spalle. E pensare che prima di prendersi cura delle automobili, Marcello faceva tutt'altro. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 11 giugno 2020

La Land Rover Defender conquista la Namibia

La Land Rover Defender va alla conquista della Namibia, per superare i propri limiti. Un viaggio duro e pieno di imprevisti, raccontato attraverso l’emozione delle immagini da @FranckReporter, fotografo d’avventura e Ambassador del marchio britannico. La nuova Land Rover Defender, che dopo 70 anni di onorata carriera è stata reinventata completamente, ha una capacità inarrestabile: le tecnologie off-road, la capacità di guado e la robustezza estrema la rendono perfetta per scoprire i luoghi più remoti del Nord della Namibia e non solo. Per raccontare l’anima della Land Rover più dura e pura, insieme alla voglia di libertà che spinge ad andare sempre oltre i propri limiti, Francesco Salvaggio ha ritratto una delle aree più selvagge e incontaminate di tutta l'Africa. La spedizione si è addentra nell'entroterra della Skeleton Coast, attraverso un’area che ricopre circa 50,000km², alla scoperta di un terreno montuoso aspro conosciuto dalla tribù degli Himba con il nome di Kaokoland. Questa zona è anche il rifugio per il rinoceronte nero, una specie ad alto rischio di estinzione, per la giraffa ed è famoso per i suoi elefanti del deserto. La zona ospita la tribù semi-nomade degli Himba: uno degli ultimi popoli dell'Africa non ancora influenzato dallo stile di vita occidentale. Continua su GQ


Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 10 giugno 2020

L'auto dopo il coronavirus

Un calo dell’83%, e poi un altro tonfo prossimo al 100%. È quello che è successo al mercato automobilistico italiano in due mesi di lockdown causato dal coronavirus, con le vendite di auto nuove piombate vicino allo zero. Un botto che è risuonato come un’eco funerea in tutte le concessionarie italiane che dal 9 marzo hanno dovuto chiudere i battenti. In due mesi sono sparite più di 350.000 auto rispetto al 2019, perché non sono state acquistate, consegnate, targate o addirittura prodotte. In Italia ci sono circa 1.500 imprese − incluse quelle che trattano veicoli commerciali − operanti in questo settore, che vale 80 miliardi ogni anno e dà lavoro a oltre 160.000 persone. Un comparto strategico per il Paese che adesso naviga a vista, nella speranza di un rimbalzo degli acquisti che comunque non riporterà mai indietro le lancette del tempo. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 9 giugno 2020

Lo storico dirigibile Goodyear ritorna in Europa per seguire il motorsport

La storia del dirigibile Goodyear inizia alla fine dell'Ottocento, precisamente nel 1898, quando ad Akron (Ohio) viene fondata The Goodyear Tire & Rubber Company. Il business principale fu subito quello degli pneumatici, ma la neonata azienda americana decise di entrare anche nel settore aeronautico e in quello delle "aeronavi". Il primo dirigibile nacque proprio per motivi pubblicitari, per solcare i cieli americani e raggiungere una serie di località remote, dove era difficile avere visibilità in altri modi. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 8 giugno 2020

Vacanze 2020, 5 macchine per il road trip dei sogni


Vacanze 2020: ecco cinque mezzi per l'estate, per partire con chi vuoi. Con l'inizio della fase 2, l'esplosione della primavera e l'arrivo dei primi caldi è tempo di iniziare a pensare alle vacanze estive. Non ci sono molto certezze riguardo ai viaggi, specie per quanto riguarda quelli fuori dall'Italia: ecco perché organizzarsi entro i confini nazionali. Mare, montagna, laghi, paesini, città d'arte. Il menu è ricco e si può applicare praticamente a tutte le regioni italiane. Si tratta solo di scegliere quella preferita, poi la meta e infine abbinare il mezzo giusto. In Italia ci sono tantissime strade mozzafiato, che portano a scoprire paesaggi stupendi, da quelli più famosi a quelli noti solo ai locali, che è ancora più bello trovare. Tutto questo senza contare quello che offre la natura, in maniera più o meno organizzata: ci sono i luoghi selvaggi adatti ai veri avventurieri ma anche quelli più organizzati, dove le attività sono inserite in strutture di alto livello. Insomma, basta solo scegliere e poi andare. Ecco quindi 5 mezzi per l'estate, per partire con chi vuoi! Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 7 giugno 2020

Fase 3, le regole per i viaggi in auto: alcuni sedili vanno lasciati vuoti

L'autocertificazione per gli spostamenti è ormai un ricordo. Dal 3 giugno per spostarsi tra una regione e l'altra non serve più e inoltre i confini nazionali sono stati riaperti, pur con alcuni distinguo. Ufficialmente siamo ancora in Fase 2, ma questi cambiamenti - indicati nel DPCM del 17 maggio scorso - ci portano di fatto all'inizio della Fase 3. Questo, però, non vuol dire che siamo rientrati in possesso di tutte le libertà che avevamo prima nei viaggi in macchina. In molti casi, infatti, i cinque posti non possono essere ancora utilizzati. Vediamo come e perché. Il principio di base è sempre quello del distanziamento sociale, che però non si applica quando le persone vivono sotto lo stesso tetto. Quindi i famigliari conviventi possono occupare tutti i sedili di cui è dotata un'auto. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 6 giugno 2020

Voli cancellati, niente rimborsi ma voucher. Ecco perché e cosa fare

Voli cancellati, niente rimborsi ma voucher. È questa la realtà a cui vanno incontro tutti quelli a cui è stato cancellato un volo in partenza dall'Italia, nel periodo che va dallo scorso 11 marzo e fino al prossimo 30 settembre. Lo ha stabilito il Governo italiano attraverso la Legge n. 27 del 24 aprile 2020, nello specifico all'art. 88 bis «per contratti relativi a titoli di viaggio, di soggiorno e di pacchetti turistici con effetto dall'11 marzo 2020 al 30 settembre 2020, quando le prestazioni non siano rese a causa degli effetti derivanti dallo stato di emergenza epidemiologica da COVID-19, la controprestazione già ricevuta può essere restituita mediante un voucher di pari importo valido per un anno dall'emissione. L'emissione del voucher o il rimborso del biglietto deve essere effettuata entro 30 giorni dalla comunicazione». In sintesi - spiega l'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile - per i voli cancellati dall’11 marzo al 30 settembre 2020 per motivi legati al Covid-19, il vettore può emettere un voucher di pari importo del prezzo del biglietto aereo, valido per un anno dall’emissione. Inoltre, l'emissione del voucher assolve l’obbligo di rimborso e non richiede alcuna forma di accettazione da parte del destinatario. Cioè, se ti arriva il voucher, te lo prendi e non puoi dire niente. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 5 giugno 2020

Suzuki V-Strom 1.050 XT, la prova – Stile anni Ottanta e carattere da globetrotter

La nuova Suzuki V-Strom 1050 XT è stata una delle novità più apprezzate dello scorso Eicma e d'altronde si inserisce nel segmento di mercato che da qualche anno tira di più, quello delle grandi enduro stradali. È la terza generazione della famiglia V-Strom, nata nel 2002, aggiornata radicalmente nel 2014 e ora cambiata nuovamente. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 4 giugno 2020

Promozioni auto giugno 2020, le offerte più interessanti

Le promozioni auto di giugno 2020 ricalcano sostanzialmente quelle del mese scorso. L'inizio della fase 2 ha fatto sì che le persone cominciassero a tornare nelle concessionarie, che si sono organizzate per rispettare i contenuti del Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le Parti sociali. Sanificazione degli ambienti e dei veicoli in prova, distanziamento tra le scrivanie e divisori di plexiglass fra cliente e venditore. Per le prove su strada, si può scegliere tra due opzioni: una prova non accompagnato per 20-30 minuti oppure un test drive a casa con consegna dell’auto a domicilio. Quanto agli sconti, segnaliamo la tantissime offerte di finanziamenti con rate che partono dopo 3 o 6 mesi o addirittura con le prime rate molto basse e poi via via crescenti. Ecco dunque le promozioni auto di giugno 2020. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 3 giugno 2020

Dacia Duster 1.0 TCe Gpl, la prova - Arriva il nuovo motore turbo più efficiente


La Dacia Duster è una delle auto più "chiacchierate" degli ultimi mesi, in senso positivo, per sua fortuna e per quella del gruppo Renault. Nel 2019 è stata la terza auto più venduta in Italia, seconda solo alle inossidabili Panda e Ypsilon e si è presa anche la soddisfazione di battere la nostrana 500X, anche se solo per una manciata di unità. Ovviamente è risultata anche la vettura straniera più venduta in Italia e le oltre 43.000 unità vendute lo scorso anno, hanno portato il totale delle Duster italiane ben oltre le 200.000. Numeri che ogni sales manager si sogna di notte e che hanno portato il brand rumeno al nono posto sul mercato italiano, con una quota del 4,22%. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 2 giugno 2020

Vespa: ecco come la Piaggio difende il suo scooter più famoso dalle copie

Che i cinesi provino a copiare la Vespa non è certo una novità. C'è una lunga storia di contraffazioni, alcune mostrate anche con una certa spavalderia ai Saloni delle due ruote, tra cui ovviamente l'Eicma di Milano, che è il più importante di tutti. Poi c'è anche una storia legale, con le opinioni diverse dei tribunali anche a seconda della loro provenienza geografica, come nel caso della Znen Ves, una vicenda iniziata nel 2010: per il tribunale di Torino è una copia, mentre per quello europeo no. Gli scooter Znen non sono ufficialmente in vendita in Europa, anche se in Cina c'è una vasta gamma di modelli che definire come "ispirati" alle varie Vespa è riduttivo. Ad ogni modo, proprio in questi giorni l'Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (Euipo) ha dichiarato nullo il design registrato da un soggetto di nazionalità cinese. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 1 giugno 2020

I documenti originali di auto e moto storiche sono salvi: non verranno distrutti ma scannerizzati

Chi possiede un'auto o una moto storica potrà conservare i suoi documenti originali, che non verranno distrutti a causa delle nuove procedure telematiche. Ci riferiamo al Documento unico di circolazione (Duc), che era stato previsto già nel 2017 dalla cosiddetta "Riforma Madia" e la cui entrata in vigore è slittata a più riprese: dal 2018 al 2019 e infine al 2020. Il Duc dovrebbe mettere fine alla stravagante situazione italiana in cui l'Aci è responsabile dei certificati di proprietà e la Motorizzazione civile del libretto di circolazione. Il Duc, inoltre, contiene i dati tecnici e di intestazione del veicolo e tutte le informazioni validate dal Pra relative alla situazione giuridico patrimoniale del mezzo e alla cessazione dalla circolazione conseguente alla sua demolizione o alla sua definitiva esportazione all’estero. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 31 maggio 2020

«Vespizzatevi», così la Vespa rimette in moto l'Italia

«Vespizzatevi» è il titolo della nuova campagna pubblicitaria della Vespa, per ripartire dopo il lockdown causato dal coronavirus. L'intenzione del Gruppo Piaggio, attraverso Vespa e gli altri mezzi a due ruote, è quella di rimettere in moto la voglia di vivere e interpretare una nuova mobilità, attenta alle esigenze di sicurezza, rispettosa di limiti e distanze. Lo scooter più famoso del mondo lo fa riproponendo, esattamente dopo 70 anni, una campagna che è entrata nella storia del costume e della comunicazione: «Vespizzatevi», cioè lo slogan che accompagnò l’Italia e l’Europa nella ricostruzione post bellica e nelle prime fasi del boom economico quando Vespa fu il mezzo di tutti per il recupero della mobilità e quindi della libertà. Cosa significa «Vespizzatevi» oggi? È un’esortazione a riappropriarsi della nostra libertà di muoverci in autonomia e sicurezza, gestendo noi le distanze, scegliendo se evitare le file e sfuggire all’affollamento e al traffico. E Vespa lo fa come ha sempre fatto, con lo stile, la classe e l’eleganza che la contraddistinguono. Continua su GQ


Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 30 maggio 2020

Lego e Lamborghini insieme per la prima volta con la Sián FKP 37

La grande famiglia dei Lego Technic si allarga, per la prima volta, con una Lamborghini. Si tratta della Sián FKP 37 - prima supercar ibrida del brand emiliano - riprodotta nel kit numero 42115. Una volta montati i 3.696 pezzi, il modellino che ne risulta è in scala 1:8, nel classico colore verde acido delle supercar di Sant'Agata Bolognese. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 29 maggio 2020

Pirelli Cinturato P7, il pneumatico intelligente


Pirelli Cinturato P7 è il nuovo pneumatico estivo ad alte prestazioni dell'azienda milanese. Il nome rimanda a quello del mitico Cinturato, che ha oltre 70 settanta anni di storia, mentre la tecnologia è un'evoluzione di quella del precedente P7, rispetto al quale è ancora più sicuro, efficiente e sostenibile. Dalla precedente generazione lanciata nel 2009 e da allora leader di omologazioni, il Pirelli Cinturato P7 è stato oggetto di continui aggiornamenti grazie al lavoro a stretto contatto con le principali Case automobilistiche premium. La nuova gomma valorizza ulteriormente le qualità che oggi sono più importanti per gli automobilisti: sicurezza ed efficienza. Gli ingegneri Pirelli, attraverso l’intensa attività di ricerca & sviluppo, hanno realizzato un prodotto dall’alto livello tecnologico capace di superare i compromessi che fino a oggi sono stati tipici dei pneumatici: grazie alle tecnologie create per il nuovo Cinturato P7 si sono potute conciliare fra loro richieste di solito divergenti, come le prestazioni sul bagnato e la resistenza al rotolamento, raggiungendo un nuovo livello tecnologico e riuscendo a soddisfare automobilisti e costruttori. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 28 maggio 2020

La Ferrari e Charles Leclerc protagonisti de «Le grand rendez vous»


La Ferrari e Charles Leclerc sono i protagonisti de Le grand rendez vous, il cortometraggio ispirato al mitico C'était un rendez vous che Claude Lelouch filmò nel 1976. Per chi non sapesse di che cosa si tratta... immaginate una Parigi quasi deserta, d'estate, all'alba, nella metà degli anni Settanta; aggiungete la folle corsa di una supercar dell'epoca, girata in presa diretta, senza chiedere alcun permesso o chiudere le strade. Immaginate di fare tutto questo per il puro gusto della cinematografia, con la semplicissima trama di un uomo che corre guidando all'impazzata per incontrare una donna. Il risultato è incredibile e anche se Lelouch fu arrestato - non ha mai rivelato chi fosse il pilota - ne valse sicuramente la pena. L'auto non si vede mai, perché la cinepresa è montata sul cofano. Il rumore è quello di una Ferrari 275 GTB, ma sembra che sia stato aggiunto dopo e che l'auto effettivamente usata per le riprese fosse una Mercedes 450 SEL 6.9. Il motivo è presto detto: la coupé di Maranello aveva le sospensioni troppo dure e l'immagine ne soffriva, mentre l'ammiraglia di Stoccarda con i suoi ammortizzatori pneumatici vibrava molto di meno. Ora, 44 anni dopo, il quasi ottantatreenne Lelouch ha deciso di fare il bis e così la Ferrari e Charles Leclerc sono i protagonisti di Le grand rendez vous. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 27 maggio 2020

MV Agusta Rush 1000, l’importante è esagerare

Nel panorama del motociclismo mondiale, nessun brand osa tanto a livello di design come la MV Agusta e la Rush 1000 ne è il perfetto esempio. Presentata durante lo scorso Eicma, è andata in produzione in questi giorni. Ne verranno costruite solo 300 al prezzo di 34.000 euro. Una cifra che nelle due ruote è solitamente riservata alle race-replica o ai mastodontici e superaccessoriati modelli da turismo. Nel caso della Rush, invece, si pagano le soluzioni tecnologiche di altissimo livello. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 26 maggio 2020

Dacia, il low cost che piace compie 15 anni

Non ci sono molte storie di successo nel mercato dell'auto degli ultimi venti anni. Qualche costruttore è scomparso, qualcuno si è ripreso e altri ancora provano a rivoluzionare l'automotive. Ma non sono molti quelli che possono dire di aver creato un brand da zero e averlo portato a giocare un ruolo di primo piano in Europa. Anzi, in verità ce n'è soltanto uno, si chiama Dacia ed è la scommessa vinta del gruppo Renault, che nel 1999 ha acquisito il marchio rumeno con un'idea chiara: avvalersi delle competenze e della posizione geografica per commercializzare nei Paesi dell’Est, in quel periodo in piena ricostruzione, la berlina 3 volumi più economica del mercato. Un piano molto ambizioso che ha spinto i francesi a progettare a "costo obiettivo”,  cioè invertendo la logica tradizionale: senza compromettere l’affidabilità e la sicurezza, risparmiare diventa la linea guida principale in tutte le fasi di progettazione. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 25 maggio 2020

Nissan GT-R50 by Italdesign, stile italiano e anima giapponese

La Nissan GT-R50 by Italdesign è pronta a ruggire. Dopo una lunga attesa, dovuta alla particolarità del progetto che ha richiesto una gestazione piuttosto lunga, Italdesign ha presentato al circuito "Tazio Nuvolari" di Cervesina, la prima Nissan GT-R50 by Italdesign della serie limitata a 50 esemplari, uno per ogni anno da celebrare. Il mezzo secolo è sia quello della GT-R stessa, vera istituzione tra le sportive del Sol Levante il cui modello originale arrivò sul mercato nel 1969, sia quello dell'atelier fondato da Giorgetto Giugiaro che, sebbene da qualche anno sia di proprietà del Gruppo Volkswagen, continua a svolgere progetti indipendenti. Questa originale collaborazione italo-giapponese è stata avviata nel 2018 con la realizzazione di un prototipo, che però ha raccolto così tanto successo da fare decidere le due aziende di avviare la produzione della versione stradale limitata. Continua su GQ.

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 24 maggio 2020

Tech e Auto Monopattini elettrici, ecco le regole definitive per circolare

I monopattini elettrici (anche segway, hoverboard, monowheel) hanno finalmente delle regole definitive, sia per quanto riguarda l'omologazione che per la circolazione. Questo, dopo che negli scorsi mesi la situazione è cambiata non una, ma due volte. In linea generale sono stati equiparati alle biciclette, ma questo non vuol dire che si può fare tutto quello che si vuole, visto che ci sono anche delle sanzioni in caso di uso scorretto. Ma andiamo con ordine. Le nuove regole sono state ufficializzate nella circolare esplicativa del Servizio della Polizia Stradale del 9 marzo 2020. Ci troviamo sempre all'interno della sperimentazione definita dalla legge 28 febbraio 2020, n. 8, che ha convertito con modificazioni il decreto-legge cosiddetto «decreto milleproroghe», ma i termini sono stati prolungati fino al 27 luglio 2022. Quindi, per almeno un paio d'anni, le regole dovrebbero rimanere queste. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 23 maggio 2020

Tornare in moto dopo il lockdown, le regole da seguire per il giro della domenica

Con l'inizio della Fase 2 e la scomparsa dell'autocertificazione per gli spostamenti all'interno della propria regione - rimane per quelli extra-regionali - si può anche tornare in moto, per motivi che non siano strettamente necessari, come andare a fare la spesa. Insomma, il classico "giro della domenica" è di nuovo consentito, pur con alcune limitazioni e indicazioni da tenere a mente, vediamo quali. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai