domenica 23 febbraio 2020

Cupra Leon, arriva l’ibrido plug-in, aumentano tecnologia e prestazioni

Dopo la Ateca e in attesa della Formentor, tocca alla Leon il compito di ampliare la gamma Cupra, sia a livello di scelta che di volumi. Il marchio sportivo spagnolo nato dallo spin-off con Seat è sulla cresta dell'onda e in meno di tre anni si è già ritagliato la sua nicchia di pubblico. Con la nuova Leon il salto di qualità è ancora più evidente, a partire dal cuore di ogni auto sportiva che si rispetti, ovvero il motore. Sono ben quattro le soluzioni disponibili sulla compatta made in Barcellona, che è disponibile in due carrozzerie, cinque porte e station wagon: si parte dalla grande novità del 1.4 TSI ibrido plug-in da 245 CV (batteria da 13 kWh e fino a 60 km in full electric), si continua con il 2.0 TSI declinato in due versioni da 245 o 300 CV e si conclude con lo stesso 2.0 TSI portato a 310 CV e abbinato alla trazione integrale 4Drive, ma solo sulla sulla Sportstourer, che così sarà anche la Leon più prestazionale, con lo scatto da 0 a 100 km/h chiuso in meno di 5 secondi. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 22 febbraio 2020

Bugatti Centodieci, omaggio agli anni Novanta

Poche case automobilistiche possono vantare la storia travagliata, ma affascinante, della Bugatti. Fondata dall'omonimo Ettore - milanese di nascita ma emigrato in Francia - nel 1909 a Molsheim, fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale ha prodotto le auto più veloci ed esclusive del mondo, ma al termine del conflitto è entrata in una crisi irreversibile culminata con la chiusura del 1963. Nel 1987, poi, la Bugatti è rinata a Campogalliano, in Emilia, per opera di Romano Artioli e nel 1991 è nata la leggendaria EB110 con il suo motore quadri-turbo e un listino da un miliardo di lire. Un'esperienza breve ma intensa, terminata con il fallimento del 1995. Il resto è storia recente, con l'acquisto nel 1998 da parte del Gruppo Volkswagen e la nuova generazione di supercar, prima la Veyron e poi la Chiron. Proprio da quest'ultima deriva la nuova Bugatti Centodieci, che sarà prodotta in soli dieci esemplari al modico prezzo di 8 milioni di euro più tasse. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 21 febbraio 2020

Alfa Romeo, all’asta una rarissima TZ3 Stradale, è la n.6 di 9 prodotte

L'Alfa Romeo TZ3 Stradale è una di quelle Alfa che hanno una storia tutta particolare e che contribuiscono a rinnovare il fascino del brand. Pensata per celebrare in un colpo solo sia i 90 anni della Carrozzeria Zagato che i 100 anni dell'Alfa Romeo, è stata prodotta nel 2010 in soli 9 esemplari. Nel primo weekend di maggio verrà messa all'asta la sesta prodotta e si attendono cifre da capogiro, sicuramente milionarie. A occuparsi dell'incanto organizzato nella città di Elkhart, in Indiana (Stati Uniti) sarà RM Sotheby's. La TZ3 Stradale non sarà l'unica supercar a stimolare l'acquolina dei collezionisti, ma sarà certamente la più rara. E se vi siete chiesti che motore abbia sotto il cofano, preparatevi a sobbalzare sulla sedia. Continua su La Stampa


Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 20 febbraio 2020

Land Rover Defender, la nuova auto di 007

La Land Rover Defender ha conquistato anche 007. L'agente segreto al servizio di Sua Maestà la utilizzerà in No Time To Die, che arriverà nelle sale cinematografiche ad aprile. Nel making of del film sono state utilizzate dieci Defender, inclusa la settima prodotta dalla fabbrica, la VIN 007. Le tecnologie off-road, la capacità di guado e la robustezza estrema hanno reso la nuova Land Rover Defender l'interprete ideale per le scene d'azione in cui sarà impegnato James Bond. Per avere un'idea di quello che è capace di fare la nuova fuoristrada britannica basta guardar lo spot TV che ne dimostra le capacità su terreni difficili e anticipa l’esclusivo behind the scenes della pellicola. Le scene delle prove, incluse nello spot, mostrano la nuova Defender che si lancia in aria, che affronta i test più estremi attraversando a piena velocità paludi e corsi d'acqua. Le scene di inseguimento di No Time To Die sono state dirette dallo Stunt Coordinator Lee Morrison, in collaborazione con il supervisore degli effetti speciali e dei veicoli, il premio Oscar Chris Corbould. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 19 febbraio 2020

Maserati, la Ghibli sarà il primo modello ibrido del Tridente

La missione della Maserati è chiara, essere il marchio più all'avanguardia in tema di elettrificazione di tutto il gruppo Fca. Per questo tutti i nuovi modelli del Tridente adotteranno powertrain ibridi oppure 100% elettrici, entrambi in grado di garantire le prestazioni che ci si aspetta dalle auto modenesi. Auto che continueranno a essere “made in Italy”, sia per quanto riguarda lo sviluppo che l'ingegnerizzazione e la produzione. A questo proposito, oggi la Casa ha comunicato che il primo modello ibrido sarà la nuova Maserati Ghibli, che entrerà in produzione durante il 2020. Un anno dopo toccherà alle inedite GranTurismo e GranCabrio (i modelli attuali sono stati venduti in più di 40.000 unità tra il 2007 e il 2019) che saranno le prime elettriche e verranno prodotte a Mirafiori, a seguito di un investimento di 800 milioni di euro. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 18 febbraio 2020

Pagani Imola, l'essenza della velocità

La Pagani Imola è l'ultima creazione dell'azienda dell'omonimo Horacio. Un posto dove chi può spendere delle cifre non alla portata di tutti può accedere al massimo della cura e della passione per le automobili ad alte prestazioni. La nuova Pagani Imola prende il nome dal circuito su cui è stata plasmata e messa a punto; anche se è omologata per la circolazione stradale, il suo carattere racing è assoluto. Ne verranno prodotte solo cinque, all'esorbitante prezzo di cinque milioni di euro più IVA, quindi sei e spiccioli, tanto per essere precisi. Una cifra giustificata dalle tecnologie impiegate in questa hypercar, che nella fase di test ha percorso oltre 16.000 km in pista a velocità di gara, l’equivalente di circa tre volte la 24 ore di Le Mans. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 17 febbraio 2020

Nissan Juke, la prova - Sportiva nello stile, facile su strada

Se le auto fossero senzienti allo stesso modo delle persone, probabilmente la nuova Nissan Juke avvertirebbe parecchia pressione, anche di più di quella che sarebbe lecita per un modello appena arrivato sul mercato. Le ragioni sono due. La prima è che la Juke originale, nel 2010, ha di fatto inventato il segmento dei crossover compatti - quello che ora cresce più di tutti gli altri in Europa - ma nel frattempo la concorrenza ha rincorso e sorpassato; la seconda è che il marchio Nissan è in sofferenza. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 16 febbraio 2020

Con Citroen C3 resti fuori dal coro

La Citroen C3 è la dimostrazione fatta di metallo e ingranaggi di una delle teorie del mercato automobilistico più famose e abusate, ma sempre vere: in Europa il primo motivo di acquisto è sempre l'estetica. Così non c'è da stupirsi se dal 2016 a oggi la Citroen C3 abbia venduto 750.000 unità. Il suo stile è fresco, coerente e molto originale, tanto che la piccola francese non somiglia a nessun altro veicolo del suo segmento, oltre a contraddistinguersi per la personalità colorata e per il comfort unico. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 15 febbraio 2020

L’Audi quattro compie 40 anni e con lei la trazione integrale più famosa del mondo

Al Salone di Ginevra del 1980, esattamente 40 anni fa, Audi cambiò per sempre il panorama delle auto stradali, partendo da quello delle sportive. Alla kermesse svizzera, infatti, debuttava la prima Audi quattro, che sarebbe poi rimasta in produzione fino al 1991 totalizzando circa 11.500 esemplari, non pochi considerando che era costruita praticamente a mano in uno stabilimento dedicato e che il cartellino del prezzo era simile a quello di una supercar. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 14 febbraio 2020

Aston Martin Vantage Roadster, eleganza assoluta

La Aston Martin Vantage Roadster è pronta a debuttare sul mercato. Per averla bisognerà aspettare la primavera ed essere pronti a spendere circa 160.000 euro. È questo il prezzo per mettersi in garage una delle spider più belle, aggressive ed eleganti che si siano mai viste. Già la versione coupé, lanciata nel 2018, ha fatto scalpore per il suo stile, ma questa «scoperta» con il suo tettino in tela è ancora più esclusiva. A questo proposito, per assaporare le gioie della guida a cielo aperto bastano 7 secondi - secondo Aston Martin è il sistema più veloce in commercio - e non serve nemmeno fermarsi, ma basta procedere entro i 50 km/h. Poi bisogna solo affondare il gas e godersi il ruggito gutturale del 4 litri V8 bi-turbo. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 13 febbraio 2020

Ducati Superleggera V4, 500 moto da 100.000 euro

Solo 500 esemplari per gli appassionati più fedeli (e ricchi) di tutto il mondo. È questa la tiratura prevista per la Superleggera V4, che Ducati stessa definisce come la motocicletta di serie più potente e tecnologicamente più avanzata mai prodotta. Partendo dalla base tecnica della Panigale V4, gli ingegneri emiliani hanno usato i componenti e i materiali più raffinati. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 12 febbraio 2020

Triumph Street Triple R, indiavolata il giusto

La Triumph Street Triple R è una di quelle motociclette che sanno mettere di buon umore il pilota. Già osservandola ferma, sul cavalletto, ha quell'aspetto agile e quello sguardo vispo che ti invitano a salire senza aspettare troppo. Quando si spinge sul pulsante di accensione il suono del 3 cilindri mette subito in chiaro le cose e spiega che questa non è una moto banale. Poi basta fare qualche curva per capirne il carattere: nella Triumph Street Triple R tutto concorre al divertimento, ma senza mettere in soggezione con prestazioni ingestibili. La versione 2020 della due ruote britannica è ancora più sportiva ma più accessibile nel prezzo grazie ad un equipaggiamento ottimizzato in base alle richieste del mercato. Il proiettore a LED sdoppiato è inedito, con una forma differente e un fascio luminoso più brillante e più bianco. Il design delle sovrastrutture è diventato più spigoloso, con tagli netti, mentre la forma del fly screen e dei convogliatori d’aria è più pronunciata, riprendendo quella del nuovo gruppo ottico. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

martedì 11 febbraio 2020

Smart Eq, addio alla benzina: inizia la seconda rivoluzione della citycar tedesca

“Chi nasce tondo non può morire quadrato” è uno dei proverbi più famosi della cultura romana e in questo caso calza alla perfezione non soltanto perché circolano più Smart a Roma che in tutto il resto del mondo, ma anche perché sintetizza alla perfezione lo spirito della due posti tedesca. Dopo aver rivoluzionato il mondo delle citycar e della mobilità urbana più di 20 anni fa, la Smart si appresta a fare un altro salto in avanti, quello della completa rinuncia ai carburanti fossili. Come ampiamente annunciato, infatti, dal 1° gennaio 2020 tutte le nuove Smart prodotte sono solo elettriche e ai concessionari resteranno gli stock di modelli a benzina da smaltire. In Italia probabilmente dureranno fino ad aprile, dopodiché l'unico modo per avere una Smart sarà quello di spendere non meno di 25.000 euro e usare l'energia elettrica. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 10 febbraio 2020

Lancia Stratos Zero, mezzo secolo di avanguardia

La Lancia Stratos Zero compie 50 anni. Sì, questa specie di astronave che ancora oggi sembra arrivare direttamente dal futuro, in realtà è stata disegnata alla fine degli anni Sessanta e presentata al Salone di Torino nel 1970. Se ve lo state chiedendo, è alta solo 84 centimetri e ovviamente è una concept car, visto che con questa forma non avrebbe potuto rispettare nessuna misura di sicurezza nemmeno negli anni Settanta. Il suo stile, però, ha fatto epoca ed è stato di ispirazione per diverse altre automobili. Ma andiamo con ordine. Tutto inizia al Salone di Torino del 1970, dove un prototipo chiamato Zero, carrozzato da Bertone utilizza un motore V4 della Fulvia - reperito da un demolitore - in posizione centrale posteriore. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 9 febbraio 2020

Una Bentley Continental GT sulla neve

Una Bentley Continental GT sulla neve non si era mai vista. Forse in qualche località di lusso montana, alle prese con un parcheggio particolarmente scivoloso, ma di certo non in una gara su neve e ghiaccio come la GP Ice Race di Zell am See, in Austria. In ogni caso, una Bentley Continental GT sulla neve non è poi così strana, se si pensa che la casa britannica ha già fissato due record di velocità sul ghiaccio nel 2007 e nel 2011, con una Continental GT. Così, la coupè di Crewe si cimenterà ancora una volta sulla superficie più scivolosa che esista, durante lo spettacolare evento che si terrà in Austria nel weekend dell'1-2 febbraio. La versione prescelta per dare l'assalto alle nevi austriache è spinta dal mastodontico motore 6 litri W12 bi-turbo, capace di erogare 635 CV e 900 Nm di coppia, facendo scattare la sportiva britannica da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi e spingendola fino a 333 km/h. La livrea in cui è stata dipinta è un omaggio a quella della Continental GT che nel 2019 ha stabilito il nuovo record di categoria alla leggendaria Pikes Peak International Hill Climb, cioè la corsa in salita più dura e famosa del mondo. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 8 febbraio 2020

Solo auto elettriche in Gran Bretagna a partire dal 2035

Solo auto elettriche in Gran Bretagna a partire dal 2035. Non è una semplice intenzione, ma l'annuncio che il premier Boris Johnson ha fatto a Londra in occasione della presentazione del programma della COP26, cioè la ventiseiesima Conferenza delle Parti della Convenzione Onu sui cambiamenti climatici, che si terrà a Glasgow nel prossimo mese di novembre. La visione è chiara, i veicoli a benzina, Diesel e perfino ibridi non potranno essere più commercializzati, si potranno vendere solo auto elettriche in Gran Bretagna a partire dal 2035. Johnson ha poi continuato a spiegare che la Gran Bretagna vuole «assumere un ruolo guida nella battaglia contro il cambiamento climatico», confermando ancora una volta di voler raggiungere l’obiettivo delle emissioni zero entro il 2050, già indicato in passato. L'ex sindaco di Londra ha poi aggiunto: «Confermando i nostri piani per l'ambizioso obiettivo delle emissioni zero entro il 2050 sollecitiamo tutti a unirci a noi. Dobbiamo proteggere il nostro pianeta e la Gran Bretagna è orgogliosa di questa missione. Dobbiamo fare del 2020 un anno di svolta sul riscaldamento globale, l'anno in cui scegliere un futuro più pulito e più verde per tutti». Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

venerdì 7 febbraio 2020

Alfa Romeo, un nuovo logo per i 110 anni e sorprese in arrivo alla Mille Miglia

Un nuovo logo per festeggiare un traguardo importante. Il 24 giugno, infatti, ricorrono i 110 anni dalla fondazione dell’Alfa Romeo, una storia lunga e gloriosa che ha avuto pagine importanti anche nelle competizioni. Per celebrare la la ricorrenza, il Centro Stile Alfa Romeo ha sviluppato un nuovo stemma: che da un lato resta fedele agli elementi della tradizione del marchio e dall'altro è proiettato verso il futuro. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

giovedì 6 febbraio 2020

Alpine A110 SportsX, la sportiva travestita da SUV

La Alpine A110 SportsX è una specie di gioco semantico: se il pubblico vuole sempre più SUV e sempre meno auto sportive, allora le auto sportive devono trasformarsi in SUV. Ovviamente si tratta di una piccola forzatura, ma l'allestimento che a Dieppe hanno messo insieme per questa versione speciale della loro berlinetta non lascia spazio a molti dubbi. Così la Alpine A110 SportsX è il frutto di una riflessione portata avanti congiuntamente dal team di design e ingegneria. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

mercoledì 5 febbraio 2020

Ducati Panigale V4, il model year 2020 diventa più facile da portare al limite

Quando una motocicletta supera i 200 CV di potenza e pesa meno di 200 kg, portarla al limite non è alla portata di ogni motociclista. Numeri del genere possono mettere in difficoltà anche gli amatori avvezzi ai circuiti e, dunque, per un brand specialistico come Ducati, la parola d'ordine è “facilità”. Ovviamente questo concetto va relativizzato rispetto alla Panigale V4, il mezzo con cui la Casa emiliana corre in Superbike e che ha un motore derivato da quello delle MotoGP. La sfruttabilità, dunque, va intesa su una moto spinta da un V4 da 1,1 litri, con albero motore controrotante e ordine degli scoppi “Twin Pulse”, capace di erogare una potenza di 214 CV a 13.000 giri e una coppia di 12,6 kgm a 10.000 giri. Tanto per rimanere in tema di numeri, parliamo di una motocicletta che raggiunge i 250 km/h in terza e che poi ha ancora tre marce da inserire. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai


martedì 4 febbraio 2020

Ruf CTR Yellowbird, un sogno di tutti, una supercar per pochi

Facciamo un gioco. Pensiamo alla 911 raffreddata ad aria e leviamole il logo Porsche. Che cosa vi viene in mente? Le risposte possono essere due: Ruf oppure Singer, a seconda delle vostre preferenze. Oggi parliamo della prima e della mitica Ruf CTR Yellowbird che è nata nel 1987 e dopo trenta anni si è ripresentata al Salone di Ginevra. Andiamo, però, con ordine. La Ruf è nata nel 1939 dall’omonimo Sig. Alois Ruf, ma è solo nel 1975 che ha iniziato a concentrarsi sulle 911, debuttando con un bel tuning della 930 Turbo. La CTR Yellobird originale – CTR vuole dire “Gruppo C Turbo Ruf” – è arrivata qualche anno dopo e voleva sfidare proprio la Turbo originale ma partendo dalla base della Carrera 3.2. Continua su Autoappassionati

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

lunedì 3 febbraio 2020

Promozioni auto febbraio 2020, le offerte più interessanti

Con le promozioni auto di febbraio 2020 il mercato dell'auto italiano entra nel vivo. Dopo il mese di gennaio, in cui tra feste e ritorno al lavoro, gli italiani non hanno frequentato molto le concessionarie, febbraio è il mese in cui spingere le vendite, anche perché i giorni di solito sono solo 28. Il 2020, però, è bisestile e quindi ci sarà un giorno in più per immatricolare auto. Anche per questo molte filiali italiane danno mandato alle concessionarie di aumentare gli sconti e attivare ulteriori promozioni, per concludere qualche contratto in più e migliorare i numeri. Poi c'è un altro fattore da tenere in considerazione: a marzo c'è il Salone di Ginevra, dove la maggior parte delle case auto presentano i nuovi modelli, facendone diventare di colpo obsoleti altri. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

domenica 2 febbraio 2020

Ford Puma, la prova – Sportiva ma intelligente

La nuova Ford Puma riassume perfettamente il concetto del tempo che passa e modifica le abitudini. Se alla fine degli anni Novanta il suo nome era associato a quello di una piccola coupé sportiva costruita sulla base della Fiesta, oggi la Puma è sempre derivata dalla piccola best-seller Ford, ma è diventata un crossover compatto. Del resto, per i costruttori generalisti la partita del mercato si gioca sempre di più sul campo di Suv e crossover. Un tipo di auto che non smette di crescere tra le preferenze degli automobilisti europei, per i quali l'offerta diventa sempre più variegata. Continua su La Stampa

Follow me on instagram -- Alessandro Vai

sabato 1 febbraio 2020

Come prendere l'onda verde (secondo Audi)


Come si fa a prendere l'onda verde? Le leggende metropolitane su questo argomento si sprecano e chiunque usi l'auto per spostarsi quotidianamente conosce quell'euforica sensazione che si prova attraversando il terzo semaforo verde di fila. Una botta di endorfina e di speranza che nemmeno le migliori sostanze psichedeliche in voga negli anni Settanta potrebbero dare. Ma come si fa a prendere l'onda verde? C'è chi sostiene che serva viaggiare a 50 km/h costanti, chi dice un po' meno, chi ancora di dare gas senza pietà e chi infine si affida completamente alla fortuna. Continua su GQ

Follow me on instagram -- Alessandro Vai