mercoledì 14 novembre 2018

Indian FTR1200 Street Tracker, carattere americano e gusto europeo

Quando si parla di motociclette americane di solito l'equazione dominante dà come risultato inequivocabile l'Harley-Davidson. Ma il costruttore di Milwuakee, pur essendo il più famoso marchio di due ruote a stelle e strisce, non è certo l'unico. E nemmeno il più antico a guardare bene. Questo record spetta alla Indian che in effetti è stata fondata nel 1901 Springfield, nel Massachusetts, mentre la Harley è nata due anni dopo nella cittadina del Wisconsin. Entrambe le Case hanno attraversato un periodo di crisi, ma se la seconda ne è uscita bene dopo i travagliati anni Settanta, la prima ha chiuso i battenti nel 1953, provata dagli impegni bellici, per poi attraversare varie vicende proprietarie e produttive fino all'acquisto da parte di Polaris nel 2011. L'azienda famosa per le motoslitte ha dato nuova linfa vitale alla Indian, che da qualche anno produce moto coerenti con la propria storia e piuttosto apprezzate sul mercato. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

martedì 13 novembre 2018

Eicma 2018: Ridemood, gli eventi “fuori salone”

Una delle caratteristiche vincenti dell’Eicma è quella di essere un evento che sa andare oltre i confini del quartiere fieristico milanese e dei roboanti padiglioni. Nei giorni in cui Milano diventa il polo di attrazione mondiale per gli appassionati di moto e di biciclette, gli appuntamenti da non perdere interessano tutta la città. Una serie di eventi che appartengono al progetto Ridemood, inaugurato domenica scorsa al CityLife Shopping District, con una giornata all’insegna della passione per le due ruote. Le tre torri firmate da Hadid, Isozaki e Libeskind hanno fatto da cornice a spettacoli, esibizioni, gare, ma anche ad attività di promozione della sicurezza stradale per i più piccoli coordinate dai Motofalchi della Polizia Locale di Milano. C’è stata la partecipazione di personaggi famosi, campioni di ciclismo e piloti, tra cui Vittorio Brumotti e Marco Melandri. Questo evento ha aperto ufficialmente Ridemood, un ricco palinsesto di attività, collaborazioni e appuntamenti all’interno della città, che terminerà domenica 11 novembre con la chiusura di Eicma. Continua su GQ

Follow me on instagram

Volvo V60 Cross Country, un po’ station wagon e un po’ SUV

La V60 Cross Country è l’auto perfetta per gli indecisi, quelli che non sanno scegliere tra SUV e station wagon, o meglio che preferiscono avere una vettura che sintetizzi il meglio di due filosofie. Volvo l’ha progettata proprio con questa idea in testa: mettere insieme un ottimo comportamento stradale con buone capacità in fuoristrada. L’idea non è certo nuovissima, visto che la V60 CC attuale è l’ultima discendente di una stirpe nata nel 1997 e giunta ormai alla terza generazione. L’abbiamo scoperta al Volvo Studio Milano, pochi mesi dopo aver visto al Salone di Ginevra la V60 normale, rispetto a cui guadagna ben 7,5 cm di altezza da terra, grazie a un assetto più alto con sospensioni dalla corsa più lunga, che aumentano la mobilità in off-road. Nelle situazioni a bassa aderenza si può contare sulla trazione integrale del tipo on-demand e su una serie di aiuti elettronici, tra cui il sistema Hill Descent Control, che è in grado di gestire la velocità quando si percorre una discesa ripida e la modalità di guida Offroad. Continua su GQ

Follow me on instagram

lunedì 12 novembre 2018

Eicma 2018: la moto del futuro secondo Bosch

Le due ruote restano, insieme al telaio e agli altri elementi della ciclistica, ma tutto il resto cambia. La moto del futuro sarà simile a quella che conosciamo oggi nell’aspetto ma molto diversa per quanto riguarda la tecnologia. Ce lo ha spiegato all’Eicma Geoff Liersch, che alla Bosch dirige il settore “due ruote” e lavora praticamente con tutte le Case motociclistiche presenti sul mercato. La motocicletta della nuova generazione porterà con sé i sistemi di assistenza smart, le soluzioni di connettività e i motori più avanzati creando un “pacchetto” – come si dice nel motorsport – propedeutico a una mobilità senza stress, senza incidenti e con emissioni a impatto prossimo allo zero. Bosch sta lavorando in questa direzione e al Salone milanese della motocicletta ha presentato le ultime innovazioni pensate per la mobilità del futuro. Continua su GQ

Follow me on instagram

Moto: le 5 novità più interessanti di Eicma 2018

L’Eicma 2018 è entrato nel vivo. I padiglioni della fiera milanese sono colmi di appassionati che potranno vivere ancora tre giorni di un grande spettacolo. Sono tante le novità presenti negli stand, a partire dalla supersportiva Ducati Panigale V4 R che è chiamata a riportare in Emilia il mondiale Superbike, oppure la Yamaha Ténéré che fa tornare attuale un concetto di motocicletta che aveva spopolato negli anni Ottanta e nei primi Novanta. Ma non ci sono solo queste due novità al Salone delle moto di Milano. È per questo che abbiamo selezionato per voi le cinque nuove moto più interessanti di Eicma 2018. Continua su GQ

Follow me on instagram

L’auto è mezzo di trasporto fondamentale per gli italiani, ma i giovani guidano sempre meno

Come vivono la mobilità personale gli italiani nell'era delle smart city, della sharing economy e della multi-modalità? Esattamente come prima, anzi negli ultimi quindici anni l'auto è diventata sempre più indispensabile e centrale nelle abitudini di spostamento, con tanti saluti ai mezzi pubblici, ai treni, alle biciclette e alle moto. È uno dei temi che emerge dal rapporto Censis-Michelin che ha indagato le abitudini dei residenti nello Stivale in tema di trasporti. Ma non è tutto, perché sebbene l'importanza dell'auto cresca, i giovani sono sempre meno interessati, e non è tanto un discorso di proprietà o possesso, quanto di abilità alla guida. Negli ultimi sei anni, infatti, i patentati sono diminuiti drasticamente nella fascia di età 16-24 anni (-12,7%), ma anche in quella tra i 25 e i 35 anni (-9,9%), ma ancora di più in quella 35-44 anni (15,5%). Al contrario sono aumentate di oltre il 32% le patenti tra gli over 65 e comunque dell'11,3% quelle di chi ha tra 44 e 65 anni. Continua su La Stampa
Follow me on instagram

domenica 11 novembre 2018

BMW S 1000 RR, a Eicma 2018 la nuova generazione della SBK tedesca

Quando una moto è molto specialistica, cioè progettata specificamente per un singolo scopo, come per esempio una supersportiva, è importante conoscere il parere di chi la utilizza. Per questo BMW ha tenuto in grande considerazione il parere dei piloti – professionisti e amatori – quando ha progettato la velocissima S 1000 RR che ha debuttato all’Eicma 2018: “Le indicazioni erano prendere il modello precedente e migliorarne le prestazioni. Abbiamo tradotto tutto questo in obiettivi precisi: più veloce in pista, più leggera di oltre 10 kg e più semplice da controllare”. Lo ha spiegato all’Eicma Claudio De Martino, responsabile dello sviluppo tecnologico della superbike bavarese, che ha guadagnato 8 CV e perso 9 kg, per un totale di 207 CV e 197 kg di peso in ordine di marcia. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

Yamaha Ténéré 700, a Eicma 2018 sono tornati gli Anni 80

Chi andava in moto tra gli Anni 80 e 90 ricorda sicuramente il periodo delle prime enduro monocilindriche. Motociclette leggere, economiche da gestire e polivalenti, con cui si poteva affrontare il traffico cittadino ma anche avventurarsi dentro un bosco. Poi la moda, come tutte le mode, è passata e si sono aperti (e chiusi) altri cicli di preferenza verso questa o quella categoria.
Tuttavia, moltissimi appassionati sono rimasti orfani di queste enduro e non trovano soddisfazione in mezzi da oltre 200 kg e 120 CV, anche se l’elettronica e la componentistica odierna li rendono perfino adatti al tassello. Alcune Case lo hanno capito, seppure con un certo ritardo, e tra queste c’è la Yamaha che dopo la concept dello scorso anno è tornata a Milano con il modello definitivo della Ténéré 700. Un nome che è quasi leggenda nel mondo delle due ruote. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

Jaguar XJ220, una supercar velocissima che deluse le aspettative

A volte anche nell’industria automobilistica qualcuno fa il passo più lungo della gamba e la storia cambia di conseguenza. La vicenda della Jaguar XJ220 è proprio un perfetto esempio di aspettative non mantenute. È la fine degli anni Ottanta e nel panorama delle supercar sono sostanzialmente due le auto che comandano, la Ferrari F40 e la Porsche 959. Ci sarebbe anche la Lamborghini Countach che però ormai è giunta alla fine della sua lunga carriera. Dalla Gran Bretagna buio pesto. Ma qualcosa bolliva in pentola alla Jaguar, anche se non ufficialmente. Un gruppo di appassionati dipendenti, infatti, si riuniva il sabato per portare avanti progetti autonomi, uno dei quali sarebbe poi diventato la Jaguar XJ220, dopo essere stato deliberato ufficialmente nel 1987. Una berlinetta due posti a motore centrale capace di superare le 220 miglia orarie, ovvero andare oltre il 350 km/h. Continua su Autoappassionati

Follow me on instagram

sabato 10 novembre 2018

Aprilia RS 660 e MV Agusta Superveloce, le concept che fanno sognare a Eicma 2018

C’era una volta la “sportiva all'italiana” un concetto di motocicletta che era un ottimo esempio dell'arte di fare di necessità virtù. Verso la fine degli Anni 70, infatti, i costruttori giapponesi iniziarono a rivoluzionare il mercato, con le loro pluricilindriche dai tanti cavalli. In Italia nessuno (o quasi) aveva la tecnologia per sviluppare motori a quattro cilindri, le cui potenze erano peraltro difficili da gestire con le sospensioni, i freni e gli pneumatici dell'epoca. Quindi le nostre storiche case motociclistiche preferirono concentrarsi su altro, rivestendo i vari bicilindrici con telai correttamente dimensionati, sospensioni più raffinate e freni che frenavano anziché rallentare. Nacque così il concetto di sportiva all'italiana, ovvero una moto non potentissima ma molto bella da guidare e in grado di dare filo da torcere alle nuove maxi made in Japan. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

Audi e-tron, il futuro elettrico è già qui

La Audi e-tron è una di quelle auto che hanno il potenziale per cambiare le sorti di una Casa automobilistica, in questo caso quella di Ingolstadt che si appresta a lanciare sul mercato il primo modello completamente elettrico della sua storia. Dopo l’ufficializzazione dell’accordo fra Audi ed Enel X sull’offerta di servizi per la ricarica, la nuova e-tron è stata protagonista di due serate-evento all’interno delle centrali idroelettriche di Trezzo d’Adda e di Nove-Vittorio Veneto, entrambi imponenti capolavori architettonici e perfetti esempi di archeologia industriale dell’epoca, di proprietà di Enel Green Power, azienda impegnata nella produzione di energia elettrica derivata da fonti rinnovabili. In provincia di Milano, a Trezzo sull’Adda la centrale idroelettrica Taccani ha accolto i partecipanti con uno spettacolo suggestivo. L’edificio è stato illuminato con dei giochi di luce visibili fin da lontano creando un’atmosfera surreale all’interno della quale si trovava la nuova Audi e-tron. Continua su GQ

Follow me on instagram

Lamborghini Espada, mezzo secolo fa debuttava la prima quattro posti del Toro

La Lamborghini Espada fu presentata al Salone di Ginevra del 1968 e fu fortemente voluta dallo stesso Ferruccio Lamborghini che aveva richiesto al fedele Marcello Gandini di Bertone una vera e propria quattro posti, al fine di ampliare la sua gamma di vetture sportive. Durante la sua produzione durata dieci anni, la Espada subì diverse modifiche a livello di motore e interni, ma la sua carrozzeria dalle forme assai originali rimase sempre intatta. In effetti non era necessario intervenire sul design poiché l’Espada attirò l’attenzione fin dall’inizio e non solo quelle dei comuni appassionati, già prima di arrivare sul mercato. Infatti, già nel 1967, in occasione del Gran Premio di Monaco, il principe Ranieri III di Monaco sfilò per il giro d’onore prima della partenza insieme alla moglie, la principessa Grace Kelly. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

venerdì 9 novembre 2018

Eicma 2018, il Salone della passione e dell’innovazione

“La vetrina globale di un’industria che continua a trasformarsi e produrre eccellenza, puntando sull’innovazione e su una grande capacità di leggere il mercato”. Sono le parole che il Presidente di Eicma, Andrea Dell’Orto, ha usato per sintetizzare quello che da diversi anni è l’evento dedicato alle due ruote più importante su scala globale. Un successo fatto di numeri, con oltre 1.200 i brand che metteranno in mostra le loro novità nei padiglioni di Fiera Milano-Rho dall’8 all’11 novembre 2018, con i giorni 6 e 7 dedicati a operatori e stampa. La 76° edizione dell’Eicma si conferma dunque punto di riferimento indiscusso per l’industria delle due ruote e rafforza il proprio appeal globale con oltre la metà degli espositori che vengono dall’estero, da ben quarantadue diversi Paesi. Milano e l’Italia si apprestano quindi a diventare ancora una volta capitale mondiale del settore in una sei giorni da vivere tutta d’un fiato tra anteprime, nuovi concept e novità di mercato. Continua su GQ

Follow me on instagram

Alpine A110, la prova di GQ: una supercar per (quasi) tutti

Le operazioni nostalgia in generale sono molto rischiose, ancora di più quando si tratta di automobili. Si può avere successo ma è ancora più facile fallire. Ma non è questo il caso, perché la Alpine A110 è una di quelle auto che fanno bene all’umore, a quello di chi guida ma anche a quello dei passanti che girano la testa al suo passaggio e tutto questo senza costare centinaia di migliaia di euro. Non è versatile e nemmeno particolarmente comoda, anche se si rimane stupiti dalla capacità di assorbimento delle sue sospensioni, ma è capace di generare endorfine già mentre ci si avvicina e si sta per aprire la porta. Una volta calati nell’abitacolo, poi, l’ambiente è così corsaiolo che ci si sente subito gentlemen driver, anche perché i rivestimenti e i pannelli dell’abitacolo sono molto curati, con pelle e Alcantara. Insomma, la Alpine A110 è una vera supercar in scala ridotta, con un prezzo di 60.000 euro e prestazioni gestibili da tutti, almeno fino all’80% del suo potenziale. Continua su GQ

Follow me on instagram

giovedì 8 novembre 2018

Eicma 2018, Ducati Panigale V4 R e le altre novità

Come da tradizione Ducati ha anticipato l’apertura dell’Eicma di un paio di giorni, presentando tutte le sue novità durante una serata dedicata ed esclusiva chiamata Ducati World Première. Si è tenuta al Teatro Linear Ciak nella parte finale della convention che ha riunito a Milano i concessionari ufficiali, circa mille persone in rappresentanza dei 734 dealer presenti in 91 paesi. Claudio Domenicali, numero uno della Casa di Borgo Panigale, ha tolto personalmente il velo alle nuove arrivate della gamma 2019, tra cui c’era l’attesissima Panigale V4 R, cioè la motocicletta che ha il compito di riportare il marchio emiliano alla vittoria nel campionato Superbike. Ad aprire la passerella sono state le novità presentate in anticipo rispetto al Salone di Milano: la rinnovata gamma Scrambler, con quattro nuove proposte che vanno dalla versione Icon alle più specifiche e peculiari Café Racer, Full Throttle e Desert Sled e la Multistrada 1260 Enduro. Continua su GQ

Follow me on instagram

Maserati Levante, perfetta sintesi di eleganza e aggressività

Come si fa disegnare un SUV che deve essere elegante e sportivo, ma al tempo stesso rispettare gli stilemi della storia Maserati, una Casa che ha sempre prodotto auto caratterizzate da assetti ribassati e linee sportive, prevalentemente coupé e spider o al massimo berline? Ci vuole creatività e cura nei dettagli, bisogna mescolare sapientemente superfici concave e convesse per alleggerire le dimensioni di un’auto che raggiunge i cinque metri di lunghezza. Una missione compiuta alla perfezione, grazie anche al DNA italiano che spicca nella parte anteriore della Levante, un perfetto mix tra eleganza e aggressività, con uno sguardo minaccioso ma fiero e la linea del cofano che degrada verso il basso. È in questa zona che risultano più evidenti le influenze del design della Alfieri, la coupé concept che sta tracciando le linee guida di tutta la produzione Maserati. La linea dei fari, le superfici della calandra e le forme delle prese d’aria della parte bassa del SUV del Tridente, sono ispirate a lei. Continua su GQ

Follow me on instagram

mercoledì 7 novembre 2018

LiveWire, a Eicma 2018 debutta la prima moto elettrica di Harley-Davidson

Dal frastuono al silenzio. Dal tipico rumore irregolare e profondo del bicilindrico made in Milwaukee al ronzio del motore elettrico. È la rivoluzione del terzo millennio targata Harley-Davidson, che ha portato all’Eicma di Milano la versione omologata per il mercato europeo della sua prima motocicletta a emissioni zero. Per sapere il prezzo della LiveWire e poterla ordinare bisognerà aspettare l’inizio del 2019, ma un’ipotesi realistica è di circa 25.000 euro. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

Eicma 2018, tutto quello che c’è da sapere sul Salone di Milano

Novembre è senza dubbio il mese delle moto, con Eicma che si conferma come il più importante appuntamento mondiale dedicato alle due ruote. Al Salone di Milano, che aprirà al pubblico dall'8 all'11 novembre, saranno rappresentati 1.200 marchi - la metà sono stranieri - provenienti da ben 42 Paesi. Se pensate che siano tanti, sappiate che ce ne sono altri 50 rimasti in lista d'attesa, e questo nonostante ci sia stato il Salone di Colonia (che ha cadenza biennale) poco più di un mese fa. L'edizione numero 66 dell'Eicma uscirà anche dal quartiere fieristico di Rho per estendersi a una serie di eventi ed appuntamenti nell'area urbana di Milano. Ovviamente i riflettori sono puntati sulle novità che presenteranno le Case motociclistiche ma molti appassionati attendono anche il Temporary Bikers Shop, ovvero uno spazio commerciale dove acquistare, a prezzi vantaggiosi accessori, abbigliamento, caschi e componenti vari. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

All’asta la Alfa Romeo 155 GTA Stradale, un esemplare unico simbolo delle occasioni perse

La storia dell’Alfa Romeo è piena di occasioni perse, nel senso di auto con un potenziale incredibile mai arrivate sulla linea di produzione. A volte non hanno superato stadio prototipale, come la Kamal che nel 2003 anticipava di almeno dieci anni l’attuale moda dei crossover, altre volte sono rimaste nei capannoni di FCA quando erano praticamente pronte, come la 159 GTA motorizzata da un 3.2 V6 bi-turbo oppure come la GTV 2.0 V6 turbo 24 V e poi 2.5 V6 bi-turbo. Modelli, questi ultimi, che avrebbero potuto far sognare gli appassionati di tutto il mondo a cui per anni è mancata una Alfa Romeo ad alte prestazioni. Nella lista di questi rimpianti c’è anche la 155 GTA stradale, una versione estrema della berlina dei primi anni Novanta che avrebbe dovuto essere costruita in piccola serie per celebrare le vittorie nei vari campionati turismo - DTM compreso - ma che invece è rimasta un esemplare unico. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

martedì 6 novembre 2018

EICMA 2018, tutte le novità in arrivo

Come ogni anno novembre è il mese delle due ruote e in particolare dell’Eicma, il Salone di Milano dedicato alle motociclette che è la fiera di settore globalmente più importante. I padiglioni della Fiera di Rho apriranno al pubblico l’8 di novembre, accendendo le luci su una serie di anteprime mondiali che arriveranno poi nel corso del 2019. Ovviamente fin quando non aprirà ufficialmente il Salone non potremo avere la conferma di tutte le novità presenti, ma intanto possiamo ipotizzare con buona certezza quelle che ci saranno. Procedendo in ordine alfabetico, per non fare torto a nessuno, iniziamo da Askoll che è il maggiore produttore italiano di scooter elettrici e che presenterà dei nuovi mezzi dedicati all’uso professionale. Da Benelli è attesa la versione definitiva della naked BN 752 S che era stata presentata a Milano proprio un anno fa. Continua su GQ

Follow me on instagram

Lamborghini Countach, l’auto che ha inventato le supercar

Quante supercar che siano rimaste in produzione per venti anni vi vengono in mente? Ok, sono solo sedici, ma la storia della Lamborghini Countach è ugualmente incredibile e affonda le radici in quella che forse è stata l’epoca più affascinante dell’automobilismo, ovvero quella a cavallo tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta. È proprio in questa epoca che è nato il concetto di supercar, arrivato poi invariato fino ai giorni nostri. Continua su Autoappassionati

Follow me on instagram

lunedì 5 novembre 2018

La Vespa Elettrica è in vendita e costa 6.390 euro

La Vespa Elettrica è finalmente in vendita, rispettando i tempi annunciati alla fine dello scorso mese di agosto. Il prezzo di 6.390 euro la posiziona al top della gamma, escludendo le serie speciali e la 946 che è praticamente un mezzo da collezione. In questa prima fase di commercializzazione la Vespa a emissioni zero si può prenotare solamente online, sul sito sito www.vespa.com o su quello dedicato elettrica.vespa.com e si può acquistare anche con un piano rateale da 99 euro al mese attraverso la neonata piattaforma Piaggio Financial Services. La commercializzazione su larga scala, attraverso la rete dei concessionari Piaggio, inizierà poi nel mese di novembre, in concomitanza col salone di Milano Eicma. I primi mercati interessati saranno quelli europei, poi dall'inizio del 2019 si aggiungeranno anche gli Stati Uniti e l'Asia. Continua su La Stampa

Follow me on instagram

domenica 4 novembre 2018

Auto del futuro, 5 concept dal Salone di Parigi 2018

Al Salone di Parigi 2018 ci sono tante novità per quanto riguarda le auto di serie, ma anche la mobilità del futuro è tenuta in grande considerazione dalle Case automobilistiche. Ecco dunque i cinque prototipi più interessanti. Continua su GQ

Follow me on instagram

sabato 3 novembre 2018

Citroen 2CV, le 5 serie speciali più importanti del mito

l progetto della 2CV era partito nel 1936 con il nome in codice di T.P.V. (Toute Petite Voiture) per dare una vettura semplice, affidabile ed economica a tutta una fascia di automobilisti che avevano esigenze diverse da quelle urbane: curati di campagna, medici condotti, veterinari e per… “trasportare una coppia di contadini, un barilotto di vino o cinquanta chili di patate ed un paniere di uova attraverso un campo arato senza romperne uno”, come recitava il capitolato sottoposto ai progettisti! Continua su GQ

Follow me on instagram

venerdì 2 novembre 2018

Indian FTR1200 Street Tracker, il flat track diventa cool

Non tutti conoscono la Indian, il marchio di motociclette americano più antico di Harley-Davidson che ha vissuto i suoi fasti nella prima metà del Novecento. Ma il passato è sui libri di storia, mentre il presente è stato svelato a Intermot, il Salone di Colonia dedicato alle due ruote. Qui Indian va oltre il custom dove sta di casa e presenta la FTR1200, una roadster dallo spiccato carattere, pensata per piacere anche i motociclisti del Vecchio Continente. Quella che vedete in foto è la versione S, ma non sappiamo ancora i prezzi per il mercato europeo. Considerando che in Usa si attestano tra i 13.000 e i 15.000 dollari, da noi potrebbero aggirarsi intorno ai 16.000 euro. Staremo a vedere. Continua su GQ

Follow me on instagram

giovedì 1 novembre 2018

Suzuki Katana, nuova vita per una delle moto icona degli Anni 80

Nel mondo delle due ruote gli Anni 80 sono stati un periodo particolare, di sperimentazione tecnica e stilistica, ma anche di grandi influenze dal settore automobilistico. E' questa l'epoca delle carenature integrali e dei motori turbo, ma anche dei primi travasi di elettronica dalle auto alle moto. La Katana originale è nata esattamente in questo periodo, per una richiesta precisa fatta da Suzuki Europa alla Casa madre in Giappone. Era il 1981 e la Katana stupì tutti con le sue linee squadrate e ardite, sotto cui si celava un 1.100 4 cilindri da 101 CV. Ora, a oltre 30 anni di distanza la Katana è rinata, riprendendo i temi introdotti dalla progenitrice. Il progetto nasce Katana 3.0 Concept, realizzata da Engines Engineering su disegno dell’italiano Rodolfo Frascoli che fu esposta a Eicma 2017, riscuotendo commenti entusiastici dal pubblico e dagli addetti ai lavori. Continua su La Stampa

Follow me on instagram