domenica 18 settembre 2011

Maserati Kubang, il ritorno!

Per la serie “A volte ritornano”, ecco a voi la Maserati Kubang!
Come dite? Questo nome non vi è nuovo? Bè, suppongo sia normale visto che il concept presentato in questi giorni a Francoforte ha lo stesso nome del prototipo apparso nel 2003 al Salone di Detroit.
Per la precisione la nuova Maserati si chiama Kubang Concept e ha anche un nuovo design, che si può tranquillamente definire riuscito, sebbene abbia perso l’originaria paternità di Giorgetto Giugiaro, nel frattempo assunto a tempo pieno dal Gruppo Volkswagen. A tal proposito è curioso ricordare che la Kubang del 2003 non entrò mai in produzione poiché Fiat non disponeva di un pianale sul quale realizzarla e ovviamente realizzarne uno ex-novo sarebbe stato troppo costoso. Fu per questi motivi che dal Lingotto telefonarono a Wolfsburg per avere un aiuto, nella fattispecie il pianale della Touareg/Cayenne, ma l’accordo non andò mai in porto. Forse i tedeschi non volevano darsi la zappa sui piedi, contribuendo a creare una pericolosa concorrente, fatto sta che a Torino non trovarono altre strade per industrializzare e vendere la Kubang.
Ora che Fiat e Chrysler (quindi anche Jeep) sono una cosa sola e che di pianali da utilizzare ce ne sono diversi, la Kubang è rinata da una costola della nuova Grand Cherokee. A guardarle esternamente non si direbbe e a Modena giurano che i motori saranno italiani e che anche la componentistica e lo sviluppo sarà curato nella “Terra de mutor”. Insomma la Kubang che vedremo nel 2013 sulle strade sarà la summa di un pianale Jeep (ma originariamente Mercedes, giacché la Grand Cherokee era stata progettata ai tempi dell’alleanza tedesco-americana) e di motori Ferrari modificati alla bisogna.
Ormai nell’industria dell’auto non ci si stupisce più di nulla e tutti i tabù sono caduti, quindi la Kubang avrà sicuramente un buon successo; tuttavia viene un po’ di amaro in bocca se si pensa a quante occasioni sono state perse dal Gruppo Fiat nel mercato dei SUV. Agli appassionati verrà subito in mente un altro  nome: Alfa Romeo Kamal. Per chi non la ricordasse dirò che è stata presentata anch’essa nel 2003; 435cm di lunghezza, pianale di derivazione 147/156, trazione integrale Q4 e motore 3.2 V6. Ovviamente si potevano anche montare gli altri propulsori Alfa a 4 cilindri, benzina e diesel. La Kamal è uno dei grandi misteri irrisolti del Gruppo Fiat, un’auto praticamente pronta per la produzione, che si sarebbe inserita in un segmento dove la BMW ha a lungo dominato con la X3 e dove si sono tuffati anche Audi e M-B, rispettivamente con la Q3 e la GLK.
Il fenomeno SUV è nato ormai da un decennio, un lungo periodo di tempo in cui al Lingotto sono rimasti a guardare i successi degli altri marchi, generalisti e premium, riuscendo solamente a mettere sul mercato la Sedici, che altro non era che una Suzuki con motori Fiat. Adesso che i pianali e il know how Jeep sono a disposizione, si tenta di recuperare il terreno perduto. La Kubang arriverà presto e la Freemont AWD sarà ordinabile nelle prossime settimane. A guardare i piani industriali poi, altre cose bollono in pentola. Il successo della Nissan Qashqai ha dimostrato che il SUV riuscito non è solo quello di grandi dimensioni e che una parte importante del pubblico è stufo delle berline tradizionali. Si vocifera che la nuova Fiat Bravo abbandonerà la classica configurazione a due volumi per diventare una crossover di taglia media…
Insomma, anche se si sono perse tante buone occasioni non è detto che non ce ne siano di nuove da cogliere; ora che Fiat-Chrysler è un gruppo globale che dispone di risorse tecniche importanti, di sinergie potenzialmente vastissime e di un minimo di liquidità, tutti gli appassionati si aspettano di vedere quei nuovi modelli che troppo a lungo sono mancati nel mercato dell’auto. Speriamo bene…BRUUUM!

2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Non mi piace questa marca di auto. Da allora, come ho avuto la Toyota, ho smesso di amare altre marche di automobili. Mi piace la mia macchina. Inoltre, può essere facilmente riparato ordinando i dettagli qui https://www.motordoctor.it/. Li installo sempre nel mio garage. In tal modo, controllo completamente le condizioni del mio veicolo.

    RispondiElimina