venerdì 17 febbraio 2012

Car pooling. Perchè no?

Avete mai sentito parlare di "car pooling"? Se la risposta è no, non preoccupatevi, è normale. Traducibile letteralmente come "concareggio" e più comprensibilmente con "auto di gruppo", il car pooling è l'uovo di Colombo. L'ascesa dei prezzi dei carburanti non accenna ad arrestarsi? Mantenere un'auto costa sempre di più? Dividendo le spese con più persone (fino a quante può ospitarne dignitosamente l'auto) i costi si riducono.
Probabilmente sono queste le due ragioni che potrebbero fare presa su noi italiani, che abbiamo una coscienza ecologica praticamente nulla. Ma i vantaggi del car pooling sono anche altri e basta guardarsi intorno mentre si è incolonnati nel traffico; la maggior parte delle vetture in circolazione trasportano una sola persona. Se applicarlo fosse abitudine diffusa, il traffico diminuirebbe sensibilmente e anche trovare parcheggio sarebbe più facile.
Svantaggi? Praticamente non ce ne sono. Certo, la libertà di movimento non è la stessa di quando si è da soli e avere altre persone in macchina obbliga, volenti o nolenti, alla socializzazione; il nocciolo della questione è se siamo disposti a delle piccole rinunce nel nome del risparmio e della mobilità sostenibile. Forse i tempi non sono ancora maturi, forse bisognerà aspettare che la benzina sfondi la soglia dei 2€ al litro, per iniziare ad aprire gli occhi, ma si sa che in Italia ci si inizia a preoccupare di un problema solo quando diventa grave. E allora temporeggiamo, ma gli strumenti per applicare il car pooling già esistono e sono anche piuttosto efficienti. Basta registrarsi in uno dei siti internet dedicati e cercare le offerte o inserire la propria, descrivendo i dettagli del viaggio. Gli utenti si votano a vicenda e commentano le esperienze avute per evitare sgradevoli sorprese a tutti gli altri. 
La trovate un'idea innovativa? Allora tornate un momento col pensiero ai vostri venti anni. Ricordate la frase "tutti in una macchina e dividiamo la benzina"? BRUUUM!!!

L'autocritico è anche su Facebook e Twitter!

4 commenti:

  1. Io utilizzo da un po' di tempo questo nuovo modo di muoversi che definirei green a tutti gli effetti. Certo è che ancora non siamo abituati a dividere le nostre auto con perfetti sconosciuti, ma secondo me tra qualche tempo ci sarà un vero e proprio boom, visto gli aumenti di benzina, assicurazioni e bolli auto. Io utilizzo il sito www.avacar.it , che ho sempre trovato efficiente e serio! Lo consiglio a tutti coloro che vogliono provare questa nuova esperienza!

    RispondiElimina
  2. Segnalo anche io un ottimo sito per fare carpooling in Italia e all'estero: carpooling.it

    Per consultare le offerte la registrazione non é obbligatoria, ed in pochi click é possibile mettersi d'accordo con il conducente, oppure inserire una richiesta di passaggio.

    Sono disponibili anche le applicazioni iPhone ed Android, molto utili!

    RispondiElimina
  3. Una cosa che non mi è del tutto chiara, è se in questi siti ci sia anche un sistema di feedback per valutare gli utenti, così da mettere tutti gli altri al riparo da sgradevoli sorprese.

    RispondiElimina
  4. carpooling.it3 aprile 2012 13:33

    @L'autocritico - su carpooling.it esiste proprio un sistema di feedback come dici tu, che fa parte di un più ampio sistema di prenotazione online, che oltre alle valutazioni per gli utenti con cui si viaggia, garantisce una maggiore sicurezza nella mediazione dei passaggi, infatti permette di prenotare un posto direttamente online e ricevere un biglietto elettronico con tutti i dettagli del viaggio e dell'automobilista. Se vuoi saperne di più contattaci pure su twitter o facebook!! :)

    RispondiElimina